8 settembre, giornata internazionale alfabetizzazione

8 settembre, giornata internazionale alfabetizzazione

Jacopo Varchetta*

- “Le donne e gli uomini di tutto il mondo hanno bisogno di alfabetizzazione per farsi carico della loro vita. Allo stesso modo, l’alfabetizzazione è indispensabile per migliorare il modo in cui ci prendiamo cura del nostro pianeta e per gestire adeguatamente le sue risorse. Questa trasformazione può avvenire solo se i giovani e gli adulti più vulnerabili della società acquisiscono le competenze di base che li equipaggiano per migliorare la propria vita e costruire comunità più resistenti”. Con queste parole del Direttore Generale dell’Unesco e con la successiva Dichiarazione di Persepoli, l’alfabetizzazione viene definita molto più che un semplice processo di imparare a leggere, scrivere e contare, viene infatti presentata come un contributo alla liberazione dell’essere umano e al suo pieno sviluppo e, in quanto tale, rappresenta un diritto fondamentale per tutti. Da oltre quarant’anni l’Unesco celebra ogni anno la Giornata Internazionale dell’Alfabetizzazione per ricordare alla comunità internazionale la fondamentale importanza di questo diritto umano, un diritto per porre fine alla povertà, ridurre la mortalità infantile, frenare la crescita della popolazione, raggiungere la parità di genere, perseguire lo sviluppo sostenibile e assicurare pace e democrazia.

Almeno 67 milioni di bambini tra i 5 e i 9 anni non sanno né leggere né scrivere, con un’incidenza maggiore per quanto riguarda le donne: nel mondo, gli analfabeti sono circa 776 milioni, il 16% della popolazione. È questa la ragione che ha spinto l’Unesco a fissare l’8 settembre come Giornata internazionale dell’alfabetizzazione. Non è un mistero che siano diverse le ragioni che impediscono o ostacolano la partecipazione dei bambini alla scuola: prima fra tutte il lavoro minorile che interessa 150 milioni di bambini tra i 5 e i 14 anni. Ma anche la povertà, l’analfabetismo dei genitori e la mancanza di infrastrutture adeguate, sia per raggiungere gli istituti, sia degli istituti stessi, sono dei macigni che pesano sul futuro delle nuove generazioni.

Vi sono stati progressi in tutto il mondo a partire dal 2000, ma rimangono sfide importanti da affrontare. Non si può permettere che ciò continui. L’alfabetizzazione è essenziale per raggiungere l’obiettivo di uno sviluppo sostenibile in grado di promuovere una giusta e inclusiva qualità dell’educazione e una formazione permanente per tutti. La Giornata Internazionale per l’Alfabetizzazione rappresenta una grande opportunità per riaffermare l’impegno a raggiungere l’obiettivo di assicurare che tutte le persone siano in grado di leggere e scrivere. Grazie a questo noi si potrà migliorare la dignità individuale e promuovere l’obiettivo della pace universale.

*Università Parthenope

You might also like

Primo piano

De Luca a Capua. Via le Ecoballe da Castelvolturno

(Dario Alifano) “Siamo impegnati in questo momento con finanziamenti per bonificare tutto il litorale domitio che deve diventare la Romagna del Sud. Deve diventare una miniera d’oro per l’economia della

Primo piano

Caserta. Il vescovo D’Alise: La politica stia fuori dall’Ospedale

Maria Beatrice Crisci – ​”Prego per voi e vi sostengo sempre, desidero confrontarvi con voi, ma è importante che diamo questo senso di servizio alla gente e che la politica

Primo piano

Confindustria Giovani Caserta, la presidente è Angela Casale

Claudio Sacco – Confindustria Giovani Caserta ha un nuovo presidente per il prossimo triennio 2017-2020. È Angela Casale, eletta a conclusione dell’Assemblea che si è svolta presso la sede dell’associazione

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply