Al Liceo Pizzi di Capua, il Premio storie di Alternanza

Al Liceo Pizzi di Capua, il Premio storie di Alternanza

Claudio Sacco

- «Sono orgoglioso di premiare gli studenti del liceo Pizzi di Capua perché questi ragazzi oltre a testimoniare la validità del percorso di alternanza scuola-lavoro, hanno portato alla ribalta nazionale la provincia di Caserta, una terra di eccellenze, come hanno dimostrato con il loro video. Attraverso il lavoro realizzato gli studenti hanno raccontato il percorso vissuto e questo filmato come gli altri realizzati dalle scuole che si sono aggiudicate i premi per il livello locale devono essere diffusi per alimentare la cultura dell’alternanza sul nostro territorio». Così il presidente della Camera di Commercio di Caserta, Tommaso De Schermata 2018-11-29 alle 19.14.41Simone che a Verona ha premiato in occasione della manifestazione Job&Orienta 2018, gli studenti del Pizzi di Capua Vincitori del Premio Storie di Alternanza. Iniziativa promossa da Unioncamere nazionale e dalle Camere di commercio italiane con l’obiettivo di valorizzare e dare visibilità ai racconti delle esperienze d’alternanza scuola-lavoro ideati, elaborati e realizzati dagli studenti e dai tutor degli istituti scolastici italiani di secondo grado. Ad aggiudicarsi il primo premio previsto dal secondo livello nazionale, gestito da Unioncamere, cui si accede solo se si supera la selezione locale, per la sezione licei è stato, appunto, il liceo “S. Pizzi” di Capua; gli altri vincitori sono il liceo classico statale T. Livio di Milano e il liceo Bocchi-Galilei di Adria (To).

Il “Pizzi” ha realizzato un video dal titolo “Young teachers are growing up…! si tratta di un racconto di un’esperienza di alternanza scuola-lavoro che ha visto le ragazze applicarsi in un percorso di ricerca ed innovazione di metodi e strumenti volti all’inclusione per i giovani. L’osservazione delle metodologie di una scuola Montessori, unita all’originalità e alla fantasia delle allieve ha visto come obiettivo la creazione di due giochi che potranno essere utilizzati nelle classi delle scuole materne. Un racconto ed un’esperienza che hanno, quindi, meritato il premio di “Storie di alternanza”.

Il premio “Storie di alternanza” mira ad accrescere la qualità e l’efficacia dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, facendone, con la collaborazione attiva delle imprese e degli enti ospitanti, un’esperienza davvero significativa per gli studenti attraverso il “racconto” delle attività svolte e delle competenze maturate. Il Premio è stato diffuso presso tutte le scuole con una lettera del MIUR. L’iniziativa vuole accrescere la qualità e l’efficacia dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, attivare una proficua collaborazione tra le scuole e le imprese ed  gli Enti coinvolti, rendere significativa l’esperienza attraverso il “racconto” delle attività svolte e delle competenze maturate nel percorso di alternanza scuola-lavoro. Il Premio è suddiviso in due categorie distinte per tipologia di Istituto scolastico partecipante, ossia: Licei e Istituti tecnici e professionali. Il Premio prevede due livelli di partecipazione: il primo locale, promosso e gestito dalle Camere di commercio aderenti, il secondo nazionale, gestito da Unioncamere, cui si accede solo se si supera la selezione locale.

You might also like

Primo piano

A Natale porte aperte alla Musica in Villa (Campolieto)

Nell’ambito dell’Autunno Musicale 2016 dell’Associazione Anna Jervolino e dell’Orchestra da Camera di Caserta continua la programmazione musicale itinerante nei luoghi e siti artistici della Campania. “Musica per Natale in Villa”

Attualità

Teatro Garibaldi, fondi regionali per il salotto sammaritano

Claudio Sacco – “Il teatro Garibaldi sarà sempre più il salotto culturale della città di Santa Maria Capua Vetere. Ci abbiamo creduto fin dai primi momenti del nostro insediamento e,

Primo piano

Capodrise, il Palazzo delle Arti diventa operativo

Pietro Battarra – A Capodrise, alle porte della città capoluogo, è nato lo “Spazio espositivo permanente”. E’ questo uno spazio di circa 300 metri quadrati destinati alla fruizione e all’indagine

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply