Alta moda alla Reggia di Caserta, fashion show per Del Prete

Alta moda alla Reggia di Caserta, fashion show per Del Prete

Maria Beatrice Crisci 

michele del prete 2018Un’atmosfera incantevole e unica quella che ha fatto da cornice alla serata organizzata dallo stilista casertano Michele Del Prete per presentare la nuova collezione spring summer. Location d’eccezione il vestibolo superiore della Reggia di Caserta che ben si è prestato al tema scelto per l’evento: “Fashion Show”. Qumoda- atea - telethonesto appuntamento è ormai diventato un evento molto atteso e si ripete costantemente alla vigilia del Natale. Non è stata una semplice sfilata incastonata in un luogo magico, ma un evento nell’evento che ha avuto come protagoniste non solo la moda e la bellezza degli abiti, ma anche la bellezza architettonica di un bene patrimonio dell’umanità, la bellezza delle modelle e dei modelli, la bellezza delle donne. E sì, perché quella di ieri era una giornata importante: il défilé si è infatti tenuto in una data non casuale, ma che è coincisa con la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Un’occasione per non dimenticare, per riflettere e per sensibilizzare. A suggellare la ricorrenza l’artista M’Barka Ben Taleb, grande amica dello stilista, che a cappella ha cantato un testo sulle donne. Ad affiancarla il regista e attore Michele Casella.  E poi un’altra amica di Michele Del Prete è venuta a portare la sua testimonianza vista la particolare giornata, la principessa Irma Capece Minutolo, presidente della Lega Italiana per la Lotta all’Alienazione Parentale, Lilap. Con lei, gli avvocati Luigi Riccitiello, presidente della Commissione Pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati Napoli Nord, e Nicola Todisco, responsabile legale Lilap.

m'Barka ben talebE poi, tra il pubblico il “posto occupato”, un gesto dedicato a tutte le donne che a causa di violenza hanno perso la vita. A testimoda - antea - premiazionemoniare l’impegno l’assessore alle Pari Opportunità del Comune di Caserta Mirella Corvino e Drusilla De Nicola per Spazio Donna. Anche quest’anno la sfilata è rientrata tra le iniziative per la raccolta fondi di Telethon. Nel corso della serata, tra tutti coloro che hanno dato un contributo alla storica fondazione che lotta contro le malattie genetiche, è stato estratto a sorte un abito della linea “Michele Del Prete Haute Couture”. A rappresentare l’associazione a Caserta Melina Cortese. Sul palco con lei alcuni ricercatori del Tigem di Pozzuoli, il centro moda michele del preteall’avanguardia per la ricerca delle malattie genetiche, i dottori Raffaele Castello, coordinatore provinciale fondazione Telethon, Carlo Pilotti e Francesca Lanna. “La bellezza – aveva anticipato lo stilista ad Ondawebtv – è il mood della mia nuova collezione spring summer, la bellezza del corpo e quella dell’anima non devono essere mai violate o deturpate. Ruches di chiffon e di georgette avvolgono nelle strutture gli abiti in mikado, gazar e tripla organza. Colori che dal bouganville si mescolano ai rosa e ai rubini, incorniciati ed enfatizzati da ricami di cristalli e paillettes che illuminano scintillanti sete. Linee sinuose, sexy senza eccessi, che ogni donna può indossare e fare propri come una seconda pelle”. Tra il pubblico il sindaco di Caserta Carlo Marino, l’assessore alla Cultura Tiziana.  Petrillo. A curare il backstage della serata Melka Beauty Academy.

You might also like

Cultura

Male Capitale, il magistrato Maresca a San Tammaro

(Redazione) – E’ a San Tammaro che il magistrato Catello Maresca ha scelto di presentare il suo ultimo libro “Male Capitale. La misera ricchezza del clan dei casalesi”, edito da

Cultura

David Gilmour torna a Pompei!

Mario Caldara   A volte ritornano. E se i ritorni sono di questo calibro, i cuori degli amanti della musica e dell’arte in generale rischiano di cedere. Prima era stata

Primo piano

Gianni Gallo, la poesia eroica rivissuta nella Spartacus Arena

Maria Beatrice Crisci – Una serata dedicata alla scrittura in versi, che ha avuto come protagonisti Neruda e García Lorca, due poeti legati dalla lingua ispanica, ma soprattutto dal loro fervore e

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply