Body shaming? No, grazie. L’ultima tendenza folle del web

Body shaming? No, grazie. L’ultima tendenza folle del web

Vincenzo Addio*

 – Schermata 2019-08-02 alle 09.08.29“L’importante non è essere, ma apparire”. È la versione corretta e aggiornata del famoso detto ai tempi dei social. Tempi nei quali l’apparire deve sottostare a certi canoni dettati dal mondo della bellezza, dai media e dal fashion system in generale. Proprio il mondo dei social, una specie di ipermercato in cui si può trovare tutto e il contrario di tutto, ha dato voce e possibilità di espressione a tutti quelli che dispongono di una connessione internet. Tra le numerose voci che si dispiegano nella rete trovano spazio, spesso protetti dall’ombra delle loro camere, gli haters, gli odiatori seriali, i quali sembrano appartenere in maggioranza al sesso maschile con età compresa tra i 16 fino e i 30 anni. Oggetto delle loro (poco gradite) attenzioni sono le persone in genere, colpevoli di appartenere a minoranze etniche, religioni e orientamenti sessuali diversi e di avere delle caratteristiche fisiche sulle quali gli haters sfogano le loro frustrazioni e le loro paure inconsce.

Tra questi vari fenomeni ve ne è uno in particolare e, a quanto pare, molto diffuso che viene identificato con body shaming. Questo termine identifica un atto di violenza, in cui risiede la capacità di far vergognare un individuo per delle caratteristiche fisiche quali possono essere una costituzione fisica o troppo magra o troppo grassa, un naso pronunciato, e così via. Con questo termine si individua anche la vergogna di esibire la propria immagine sui social e nei casi più estremi, alcuni non escono neppure di casa.

Vittime di questa tipologia diffusa di violenza, riconducibile ad una forma di cyber bullismo, sono gli adolescenti, di entrambi i sessi, in un periodo della loro vita notoriamente delicato e di transizione. Nei casi più estremi assistiamo a delle manifestazioni di violenza che si spostano dal piano virtuale a quello reale e protagonisti di questi atti sono tanto le vittime quanto i body shamers: numerosi, infatti, sono i casi di cronaca di adolescenti vessati che reagiscono in maniera più o meno violenta. Per arginare questo fenomeno sia nelle scuole di ogni ordine e grado sia su internet, si stanno attivando sportelli di ascolto e supporto psicologico. Recentemente di grande aiuto si sono rivelate le rivelazioni di personaggi famosi, i quali hanno ammesso di essere stati vittime di manifestazioni di odio proprio per il loro aspetto fisico e di come, partendo dai propri difetti, siano riusciti a trasformarli in punti di forza.

 *Università Parthenope Napoli  

 

You might also like

Economia

Telefisco, le novità del 2017 con Il Sole 24 Ore

L’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Caserta ha aderito alla 26° edizione del Telefisco, organizzata da Il Sole 24 Ore. Il capoluogo è tra le 59 sedi in

Primo piano

Il ministro Martina a Caserta mercoledì prossimo.L’annuncio all’iniziativa di Battarra

Il primo giugno alle 10 il ministro per le politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina sarà a Caserta e visiterà l’Enoteca provinciale. Questo annuncio è stato dato da Corrado Martinangelo,

Arte

16 luglio, il ricordo di Crescenzo Del Vecchio artista-maestro

Enzo Battarra – Il 16 luglio è un giorno mesto per l’arte casertana. In questa data nel 2006 veniva a mancare a Maddaloni l’artista Crescenzo Del Vecchio Berlingieri, una delle figure più autorevoli espresse dal territorio campano nella

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply