Capodrise, il Palazzo delle Arti diventa operativo

Capodrise, il Palazzo delle Arti diventa operativo

Pietro Battarra

- A Capodrise, alle porte della città capoluogo, è nato lo “Spazio espositivo permanente”. E’ questo uno spazio di circa 300 metri quadrati destinati alla fruizione e all’indagine dei nuovi linguaggi dell’arte visiva. Con una delibera di giunta, il sindaco Angelo Crescente ha ridisegnato l’architettura simbolica di un edificio del Settecento, tramutandolo in un ambizioso polo culturale, nell’epicentro di una città rivolta al futuro. Al piano nobile, destinato alle mostre tematiche, il Palazzo delle Arti, cui è collegato un portale web (www.palazzodellearti.net), ospiterà anche l’“Archivio digitale contemporaneo”, immaginato dal curatore d’arte Michelangelo Giovinale, e l’“Archivio Andrea Sparaco”, dedicato all’artista di Capodrise scomparso nel 2011. Tra le sue mura saranno, inoltre, accolti una biblioteca, aule studio, laboratori didattici, una sala delle associazioni, il “Cortile delle muse” (per spettacoli musicali, di teatro e di danza) e tutte le storie di chi vorrà attraversarle.

palazo delle arti capodrise«Il Palazzo delle Arti – dichiara il sindaco Crescente – ha ritrovato la sua identità, la sua vocazione, il suo volto migliore… un senso al nome che porta. Da oggi, si offre alla città e alla città, e al vasto territorio che lo circonda, offre un’opportunità straordinaria: costruire una “nuova via Appia” dell’arte contemporanea. Una strada verso il mondo – conclude Crescente – da percorrere insieme!». L’atto di indirizzo politico approvato, il 10 agosto, dall’esecutivo imprime una forte accelerazione al progetto di “rigenerazione” del palazzo, lanciato a metà giugno, in aula consiliare. Un progetto innovativo, che si sta alimentando dell’unica risorsa che il ComunSchermata 2017-08-12 alle 19.10.04e ha a disposizione: la creatività. E i risultati sono già evidenti.

You might also like

Primo piano

9 maggio. Festa dell’Europa, festa per l’Europa

Gian Maria Piccinelli * C’è un modo diverso di essere europei. In un momento storico in cui non è assolutamente scontato essere europei, anzi sembra andare di moda pensare da euro-scettici, vogliamo fare

Food

Racconti di Grano. A Palazzo Petrucci la finale

(Luigi D’Ambra) – Dopo l’evento dello scorso 5 febbraio, organizzato dall’azienda Chirico presso la scuola Dolce & Salato di Maddaloni, diretta dallo chef Giuseppe Daddio e dal pasticciere Aniello di

Attualità

Ospedale di Caserta. Il nuovo corso del direttore Ferrante

​Maria Beatrice Crisci –  “In questi primi cento giorni ho avuto modo di capire come funzionava il sistema. L’Ospedale di Caserta ha grosse potenzialità e sicuramente con l’aiuto di tutti

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply