Caserta. La Camera di Commercio ospita l’impresa 4.0

Caserta. La Camera di Commercio ospita l’impresa 4.0

Claudio Sacco

camera di commercio- «Impresa 4.0 è un modo per portare innovazione all’interno delle aziende. Un cambiamento profondo, che non potrà sussistere senza un processo di acquisizione di competenze adeguate ai nuovi processi produttivi e di tutti gli elementi indispensabili per conoscere le tecnologie per avviare un processo di trasformazione digitale». Così il presidente della Camera di Commercio di Caserta Tommaso De Simone a proposito dell’evento “Little Digital Faire”. Il taglio del nastro è previsto per domani martedì 27 novembre e si concluderà mercoledì 28 presso la Camera di Commercio di CasertaL’idea di una Piccola fiera del digitale è strettamente collegata con il ruolo delle Camere di Commercio, le quali hanno il compito di coinvolgere il sistema della imprese nella quarta rivoluzione industriale attraverso i Punti Impresa Digitale; fornendo informazione, formazione e incentivi sulle nuove opportunità offerte dal Piano Nazionale, in un quadro di veloce cambiamento del panorama internazionale, delle tecnologie e dell’organizzazione. Impresa 4.0 non significa solo introdurre un macchinario all’avanguardia dal punto di vista tecnologico, ma nel sapere combinare diverse tecnologie e in tal modo integrare il sistema di fabbrica e le filiere produttive in modo da renderle un sistema integrato, connesso, in cui macchine, persone e sistemi informativi collaborano fra loro per realizzare prodotti più intelligenti e servizi più intelligenti. La Camera di Commercio di Caserta ha attivato il Punto Impresa Digitale (PID) per diffondere sul territorio la cultura e la pratica delle tecnologie digitali presso il mondo dell’impresa e del lavoro; per raggiungere tale scopo la CCIAA ha realizzato in partnership con l’Università Federico II di Napoli, un progetto di ricerca e di azione per realizzare un PidMed, un punto di impresa digitale coerente con le esigenze del tessuto socio-economico della provincia di Caserta e del Meridione. La fiera che sarà allestita nei giorni 27 e 28 avrà lo scopo di dimostrare ad imprenditori e a studenti il funzionamento di tali tecnologie ed approfondire con loro, attraverso workshop interattivi e ludico-esperienziali, le competenze necessarie per il lavoro del futuro. Tra le diverse tecnologie che saranno esposte alla mostra sarà presente “Pepper”, un robot umanoide, pensato e programmato per poter vivere con gli esseri umani, capace di conversare, muoversi e riconoscere le voci. Una particolare attenzione sarà rivolta anche al software BigData “Colloquio 24“che attraverso un test di intelligenza emotiva, riesce a svolgere colloqui di lavoro da remoto. Infine saranno presentate anche le tecnologie progettate e sviluppate dai giovanissimi studenti del liceo E. Fermi di Aversa. Il programma per la giornata di martedì 27 novembre prevede i saluti del presidente della Camera di Commercio di Caserta, Tommaso De Simone e gli interventi di Alex Giordano del dipartimento di Scienze sociali-Societing 4.0 e di Silvia Rossi del dipartimento di ingegneria elettronica e delle tecnologie dell’informazione dell’università Federico II di Napoli; per la giornata di mercoledì 28 novembre sono previsti gli interventi del presidente De Simone e di Giulio Xhaet, digital strategist in Newton spa. Entrambi i seminari si svolgeranno dalle 9 alle 13 nelle mattinate di martedì e mercoledì.

 

You might also like

Editoriale

Qualità della vita, Caserta 95esima. Di chi le responsabilità?

Enzo Battarra – Italia Oggi ha pubblicato la versione provvisoria a uso esclusivo dei giornalisti dei risultati della 19esima classifica nazionale sulla qualità della vita nel 2017. Ebbene sì, la

Arte

Arte e tecnologia alla Reggia di Caserta con il Cyberfest

Claudio Sacco – E’ il più grande festival di arte e tecnologia della Russia ed è realizzato dal Cyland Media Art Lab di San Pietroburgo.  E per la sua prima volta in Italia,

Cultura

Amore amaro, il Buon Pastore apre ad Antonella Palermo

(Beatrice Crisci) – “Sono contenta di tornare a Caserta e di riaffrontare, grazie a una comunità attenta alle questioni sociali come quella guidata da don Antonello, un tema così complesso

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply