Caserta mon amour, la première di Aurora Leone al Comunale

Caserta mon amour, la première di Aurora Leone al Comunale

Maria Beatrice Crisci

- aurora leone«Il 4 maggio del 2018 ho portato in scena “Quotidiana Mente”, per la prima volta, davanti ad 80 persone. Ieri sera, a distanza di un anno, ne eravate 400. Non si può spiegare, un sogno». Aurora Leone, giovane autrice e attrice casertana, arrivata in  finale a Italia’s got talent, affida a un post su Facebook il commento alla serata che l’ha vista protagonista al Teatro Comunale di Caserta.

E invero erano davvero in tanti. Amici, parenti, genitori e nonni compresi. Sul palco del Parravano Aurora è andata in scena con il suo monologo “Quotidiana Mente – Una famiglia a pretesto”. L’evento è stato organizzato in collaborazione con il Comune di Caserta, presente in prima fila il sindaco Carlo Marino. la première al Comunale ha rappresentato da parte della diciannovenne un ringraziamento ai tanti concittadini che l’hanno sostenuta nell’avventura televisiva. E a conclusione della serata un selfie complessivo ha immortalato l’evento, ma ha anche sancito il rapporto culturale e affettivo di Aurora con la sua città. Caserta ne è consapevole e l’ha adottata. Così nasce una stella.

You might also like

Cultura

Cesaro: “Ecco i fondi del Governo per Reggia e Carditello”

(Beatrice Crisci) – “Un nuovo importante tassello nel mosaico immaginato dal Governo per rilanciare economia e occupazione nel Mezzogiorno attraverso la Cultura”. Così il sottosegretario ai Beni e Attività Culturali

Primo piano

Il Salotto a Teatro. Ospiti Angela Finocchiaro, Maria Amelia Monti e Stefano Annoni

(Magi Petrillo)  Il Salotto a Teatro archivia un altro incontro con i protagonisti del palcoscenico. Al Teatro Comunale di Caserta ospiti dell’appuntamento curato dalla giornalista Maria Beatrice Crisci, le attrici

Attualità

Meno chiacchiere più informazione, “Benvenuti a Caserta”

(Beatrice Crisci ) – “Noi abbiamo un grande bisogno di dati e di cifre. Quindi, meno chiacchiere e più informazione”. Così il direttore della Reggia di Caserta Mauro Felicori al

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply