Chef stellato in Casa Vitiello. La base è la pizza, s’arriva al top

Chef stellato in Casa Vitiello. La base è la pizza, s’arriva al top

Maria Beatrice Crisci

 – Sono alternative di tradizione quelle che propone Casa Vitiello. E l’accogliente pizzeria di piazza monsignor Nicola Suppa, nell’antico borgo di Tuoro a Caserta, in una tiepida mattinata domenicale di febbraio si è trasformata per ucocteil - vitiellon giorno nel luogo della sperimentazione e dell’innovazione del gusto.

Il maestro pizzaiolo Ciccio Vitiello, nonché patron della Casa, ha dato il benvenuto a Domenico Stile, chef stellato del ristorante enoteca La Torre in Villa Laetitia a Roma. “Fuochi e Forno” l’accattivante titolo dato a questo format gastronomico. Il padrone di casa ospita un cuocovitielo montanara sole e mare, realizzando un incontro che si concretizza in pietanze che sono una “fusion” tra il prodotto dei fornelli e quello del forno. La pizza diventa una base per topping gustosi e raffinati.

Il percorso ha avuto inizio all’ingresso della pizzeria con il benvenuto di Ciccio, ovvero una fetta della sua classicissima e appetibilissima Margherita. A renderla ancora più gustosa l’aperitif cocktail realizzato al momento dai barman di Radici Clandestine, il cocktail bar nel quadrilatero della movida casertana. Nasce al momento il SundayMargheritadrink.

A tavola è il trionfo della “fusion”, in abbinamento i vini Frescobaldi. Si inizia con unavitiello pizza seppia montanara sole e mare: base fritta al finocchietto, stracciata di bufala, gambero rosso al cardamomo, salsa agli agrumi e schiacciatina di patate al finocchietto. Apprezzato il Leonia Brut, spumante millesimato.

vitiello pizza carciofiSi passa alla seppia alla diavola. Su una pizza a impasto tradizionale arrivano salsa all’amatriciana, fior di latte d’Agerola, seppia arrabbiata della Sinuessa e aceto balsamico. Lo sposalizio si completa con un calice di Aliè rosato di Toscana.

vitiello dolceSpazio al coniglio e carciofi. L’impasto è a base di semola. Il topping è crema di carciofo, coniglio cotto a bassa temperatura, carciofo arrostito, aglio nero e Provolone del Monaco. Ci sta bene il vermentino Massovivo.

Il dessert è uno spicchio di dolcezza. Nella pizza con base curcuma, ripiegata a portafoglio, vivono gianduia affumicata, mandarino, finocchio candito, il tutto impiattato con gelato al finocchio. Non poteva mancare il vin santo dei Marchesi Frescobaldi!

You might also like

Cultura

Futuro Remoto, 250mila visitatori. Un successo annunciato

(Luigi D’Ambra) – Futuro Remoto 2017 ha fatto boom. I numeri sono evidenti. Circa 250.000 i visitatori che hanno consacrato il successo di questa edizione, la trentunesima per la precisione.

Primo piano

Le novità fiscali del periodo. A lezione con Ernesto Gatto

(Luigi D’Ambra) – L’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Caserta ha organizzato per martedì 11 aprile, dalle ore 15 alle ore 19, presso la sala convegni del Grand

Primo piano

I fantasmi di Eduardo al Comunale, e tutti gli attori in Salotto

Maria Beatrice Crisci – Una grande compagnia quella nata da Luca De Filippo. Sarà in scena al teatro comunale Parravano di Caserta con «Questi fantasmi!» venerdì 16 marzo alle 20,45, repliche sabato allo stesso

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply