Chef stellato in Casa Vitiello. La base è la pizza, s’arriva al top

Chef stellato in Casa Vitiello. La base è la pizza, s’arriva al top

Maria Beatrice Crisci

 – Sono alternative di tradizione quelle che propone Casa Vitiello. E l’accogliente pizzeria di piazza monsignor Nicola Suppa, nell’antico borgo di Tuoro a Caserta, in una tiepida mattinata domenicale di febbraio si è trasformata per ucocteil - vitiellon giorno nel luogo della sperimentazione e dell’innovazione del gusto.

Il maestro pizzaiolo Ciccio Vitiello, nonché patron della Casa, ha dato il benvenuto a Domenico Stile, chef stellato del ristorante enoteca La Torre in Villa Laetitia a Roma. “Fuochi e Forno” l’accattivante titolo dato a questo format gastronomico. Il padrone di casa ospita un cuocovitielo montanara sole e mare, realizzando un incontro che si concretizza in pietanze che sono una “fusion” tra il prodotto dei fornelli e quello del forno. La pizza diventa una base per topping gustosi e raffinati.

Il percorso ha avuto inizio all’ingresso della pizzeria con il benvenuto di Ciccio, ovvero una fetta della sua classicissima e appetibilissima Margherita. A renderla ancora più gustosa l’aperitif cocktail realizzato al momento dai barman di Radici Clandestine, il cocktail bar nel quadrilatero della movida casertana. Nasce al momento il SundayMargheritadrink.

A tavola è il trionfo della “fusion”, in abbinamento i vini Frescobaldi. Si inizia con unavitiello pizza seppia montanara sole e mare: base fritta al finocchietto, stracciata di bufala, gambero rosso al cardamomo, salsa agli agrumi e schiacciatina di patate al finocchietto. Apprezzato il Leonia Brut, spumante millesimato.

vitiello pizza carciofiSi passa alla seppia alla diavola. Su una pizza a impasto tradizionale arrivano salsa all’amatriciana, fior di latte d’Agerola, seppia arrabbiata della Sinuessa e aceto balsamico. Lo sposalizio si completa con un calice di Aliè rosato di Toscana.

vitiello dolceSpazio al coniglio e carciofi. L’impasto è a base di semola. Il topping è crema di carciofo, coniglio cotto a bassa temperatura, carciofo arrostito, aglio nero e Provolone del Monaco. Ci sta bene il vermentino Massovivo.

Il dessert è uno spicchio di dolcezza. Nella pizza con base curcuma, ripiegata a portafoglio, vivono gianduia affumicata, mandarino, finocchio candito, il tutto impiattato con gelato al finocchio. Non poteva mancare il vin santo dei Marchesi Frescobaldi!

You might also like

Spettacolo

Sera per Fausto, all’Anfiteatro Campano si ricorda Mesolella

Enzo Battarra – L’Anfiteatro Campano è lì, testimone muto della sua stessa storia. Il grande schermo proietta visioni e sogni. Un’area attrezzata che permette ristoro con eccellenti degustazioni territoriali. Insomma,

Attualità

Gianmarco Cirrone, giovane chef casertano alla corte di Rai 1

Maria Beatrice Crisci – Si chiama “Ricette stellate” ed è una rubrica di Unomattina Estate, il programma televisivo di Raiuno. Ospite della trasmissione oggi 8 agosto è stato l’executive chef,

Primo piano

Enzo Decaro, reading musicale per la Fondazione Diana

Maria Beatrice Crisci – La Fondazione Mario Diana quest’anno ha scelto il . E’ proprio in questa suggestiva cornice che avrà luogo l’evento annuale in ricordo dell’imprenditore Mario Diana, vittima innocente

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply