Coldiretti Caserta, Manuel Lombardi dice stop alle false sagre

Coldiretti Caserta, Manuel Lombardi dice stop alle false sagre

Maria Beatrice Crisci

 «Non se ne sono maimanuel lombardi viste tante. Si può dire che ogni comune e ogni frazione di comune ne ha una. A volte si presentano sotto mentite spoglie. Alcune hanno ormai una storia alle spalle, altre sono fresche di invenzione. Quasi tutte sono affollate, anche se non tutte sono organizzate bene; alcune dovrebbero essere impedite. Quasi tutte si concludono con una mangiata, quando non sono proprio solo una mangiata. Parliamo di sua maestà la sagra, la più pagana delle feste paesane». È Manuel Lombardi presidente della Coldiretti di Caserta a lanciare il messaggio a buona ragione, unitamente al direttore Angelo Milo. E in questo periodo ce ne sono davvero tante e sempre di più. Il presidente Lombardi spiega: «Parliamo di un evento che può essere annoverato fra quelli che testimoniano la ricorrente aspirazione dell’uomo moderno a ritornare al passato, ai suoi riti, alle sue sicurezze, ovvero a tutti i piacevoli ricordi che sono restati nella memoria. Le spinte e le motivazioni per organizzarle sono le stesse, cambia la piazza e il numero dei partecipanti, ma restano la dimensione popolare dell’evento e i motivi di attrazione. C’è sagra e sagra. Al centro di quasi tutte le sagre c’è il prodotto tipico, la cucina tipica, il bene naturale “tipico” come contorno. Non di rado i prodotti tipici offerti di tipico non hanno niente. In questo caso la dimensione meramente speculativa si può agevolmente rilevare, ma la stragrande maggioranza dei partecipanti non si pone proprio il problema, essendo spinta da altre motivazioni».

Manuel Lombardi non usa mezzi termini e chiarisce: «Questi “non eventi” possono danneggiare l’immagine delle poche sagre serie, che vivono dell’apporto di schiere di volontari e contribuiscono veramente a valorizzare le risorse locali di qualità. Perché non proviamo a farle diventare DOC. Ci permettiamo di formulare un suggerimento a tutti coloro che organizzano sagre con sacrifici, orgoglio e sani principi di coalizzarsi e costituire un Consorzio delle sagre autentiche. L’ammissione dovrebbe essere consentita a quelle sagre che dimostrano almeno di possedere una documentazione tecnica e storica sui prodotti tipici da valorizzare. Ancora,  selezionare e controllare la qualità della merce posta in vendita o cucinata. Infine, coinvolgere in un ruolo attivo gli operatori economici. Il Consorzio dovrebbe effettuare dei controlli prima di rilasciare un certificato, ed inviare un proprio ispettore ad ogni edizione della sagra iscritta, per rilevare eventuali deviazioni che giustificherebbero una eventuale espulsione».

You might also like

Cultura

Lo Scoiattolo d’Oro 2.0, ecco i vincitori della kermesse canora

Claudio Sacco – Sul palco del Teatro Don Bosco di Caserta è andato in scena “Lo Scoiattolo d’oro 2.0″ per la direzione artistica del maestro e soprano Maria Massa. La

Primo piano

Reggia di Caserta, sempre più su. Obiettivo 800mila visitatori

Maria Beatrice Crisci –  Sempre più su la Reggia di Caserta, regina di servizi televisivi nazionali, di articoli sulla carta stampata e soprattutto del web e dei social media. Nasce anche da

Economia

Alla Sun si cucina in aula con lo chef Daddio

La cucina in real time entra anche nelle aule universitarie. Non si può parlare di Dieta Mediterranea e di sapori senza poi dimostrare al momento quanto può essere semplice cucinare

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply