Da Donzelli a Donzelli, da mare a mare. Il vernissage a Genova

Da Donzelli a Donzelli, da mare a mare. Il vernissage a Genova

Maria Beatrice Crisci

donzelli Invito- “Da Donzelli a Donzelli. Opere dal 1998 al 2018”. Con questo titolo l’acclamato artista napoletano, ma casertano di adozione, espone a partire da giovedì 20 settembre (vernissage ore 17,30) nel Museoteatro della Commenda di Prè a Genova, un gioiello medioevale di singolare bellezza. La mostra personale è curata dallo storico e critico d’arte Luciano Caprile.

donzelli a milano 4Bruno Donzelli con i suoi venticinque dipinti accompagnerà i genovesi in un viaggio nell’arte del 900. Sono opere degli ultimi vent’anni,  ironiche dai colori brillanti sulle avanguardie storiche della storia dell’arte del secolo scorso. All’inaugurazione interverranno, insieme con l’artista e con il curatore, Nicoletta Viziano, presidente del MuMa, l’istituzione Musei del Mare e delle Migrazioni.

L’esposizione sarà accompagnata da un catalogo con testo di Luciano Caprile, corredato da un’ampia antologia critica con note di Dorfles, Crispolti, Menna, Lemaire, Caramel, Beringheli, Battarra, Lambertini, Finizio, Sanesi, Apa, Janus, Carboni, Trimarco, Cerritelli, Caprile, Trione, Vivaldi e altri.

locandina donzelliBruno Donzelli ha scelto il complesso della Commenda di Prè come sede espositiva per la seduzione della sua storia che s’avvia alla fine del 1200, così ricca di eventi culturali, e per quello sguardo rivolto al mare che lo ricollega idealmente alla natia Napoli. D’altronde questo spazio espositivo è nato con il messaggio forte perché nessuno si senta straniero a Genova.

Bruno DonzelliIl linguaggio pittorico di Bruno Donzelli è ironico e dissacrante, ricco di rimandi alla storia dell’arte del XX secolo. Utilizza i colori più brillanti e le forme più giocose per “leggere” gli ultimi cento anni del passato millennio. La sua struttura linguistica si è andata sviluppando nel tempo, con costanza e logica consequenziale, partendo da Cobra e Pop, passando attraverso un’ironica concettualità, guardando alle avanguardie storiche con le sue notissime “ orme “ mnemoniche, ripristinando in chiave ipercromatica i motivi formali dei movimenti del Novecento. Si tratta, dunque, di un iter pittorico che ha trovato negli anni la sua maturità più completa. Nell’attuale circostanza vengono privilegiate le “rivisitazioni” di alcuni celebri maestri. Scrive Luciano Caprile in catalogo: “In Donzelli l’apparenza è utile per veicolare la sostanza, per far assaporare le tante letture che emergono da queste opere. E ‘assaporare’ ci sembra il verbo opportuno perché i suoi dipinti paiono concepiti per essere mangiati non solo con gli occhi”. E tale ragionamento vale sia che si tratti di un “sacco” di Burri o di un burattinesco personaggio di Depero o del pirotecnico “Cromatico Vesuvio”, una tecnica mista su tela del 2017 che rimanda a una famosa composizione di Andy Warhol.

You might also like

Cultura

Enzo Avitabile in concerto a Cancello e Arnone per la Festa della Mozzarella

(Beatrice Crisci) – È la 39esima Festa della Mozzarella e si sta svolgendo a Cancello ed Arnone, quella che può essere considerata la capitale della bufala campana nella terra dei

Primo piano

#CasertaScuola / Le mode, la musica e le passioni dei ragazzi

Enza Sesio – È questo il numero “zero” della rubrica #CasertaScuola che si occupa delle iniziative educative, formative, culturali, celebrative che vedono sempre protagonisti gli studenti. Si scoprirà cosa ha da raccontare

Cultura

Il vizio della speranza, premiato a Tokyo Edoardo De Angelis

Claudio Sacco – Il film Il vizio della speranza del regista campano Edoardo De Angelis conquista altri due premi internazionali al 31st Tokyo International Film Festival. Edoardo De Angelis vince

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply