Ecco le Regie Cavallerizze. Entra sua maestà la mozzarella

Ecco le Regie Cavallerizze. Entra sua maestà la mozzarella

Quattordici membri della Commissione Anticontraffazione partecipano alla missione casertana su tracciabilità e sistemi di controllo nella filiera bufalina. Un record di presenze che testimonia la grande attenzione al comparto della mozzarella di bufala campana Dop. I parlamentari stanno visitando varie realtà produttive del territorio per verificare come riescono ad adempiere al sistema della Dop e a quello della tracciabilità nazionale entrato in vigore nel novembre del 2015.

Il resoconto della missione sarà illustrato nella conferenza stampa di mercoledì 12 ottobre alle 12,30 presso la nuova sede del Consorzio di Tutela nelle Regie Cavallerizze della Reggia di Caserta, ingresso in via Gasparri 1. Parteciperanno il presidente del Consorzio Domenico Raimondo e il direttore Pier Maria Saccani, il presidente della Commissione parlamentare Anticontraffazione Mario Catania, il relatore dell’inchiesta della Commissione sulla Mozzarella di Bufala Campana Dop Paolo Russo, il commissario dell’Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno Antonio Limone e il sottosegretario del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Antimo Cesaro. Ha assicurato la sua presenza anche il direttore della Reggia Mauro Felicori.

 Fonte: Comunicato stampa

You might also like

Primo piano

#fiduciaCaserta, nel Museo di Trento l’hashtag di Felicori

(Beatrice Crisci) – Il tema era proprio “#FiduciaCaserta a Le Gallerie”, con quell’hashtag che tanto piace a Mauro Felicori. Ieri il Direttore della Reggia ha tenuto un incontro pubblico alla

Primo piano

Un’estate al mare. Le opere di Angelo Maisto sull’Adriatico

(Enzo Battarra) – Estate in costa adriatica per Angelo Maisto. Ma non si tratta di vacanze. Il bravo artista casertano è protagonista di due rassegne in corso a San Benedetto del

Attualità

Antimo Cesaro: “Il patrimonio culturale come risorsa”

“Grazie anche agli stimoli arrivati dalla Commissione Europea, finalmente nel nostro Paese si è cominciato a considerare il patrimonio culturale come un risorsa strettamente correlata al proprio territorio di appartenenza,

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply