Epatite C? No, grazie! Cure all’Azienda ospedaliera di Caserta

Epatite C? No, grazie! Cure all’Azienda ospedaliera di Caserta

Claudio Sacco

- Straordinari scenari si sono aperti nella lotta all’epatite C. E questo grazie alle terapie eradicanti l’infezione da HCV, praticamente prive di effetti collaterali e con una efficacia prossima al 100%. Altissime le aspettative sia per i pazienti, sia per i medici, sia per le istituzioni. Nei prossimi anni ci sarà la ricaduta favorevole sulla spesa sanitaria della avvenuta eradicazione. Infatti, sono tanto  efficaci i trattamenti che l’OMS ha ipotizzato che nel 2030 l’infezione da HCV potrebbe essere completamente debellata e l’Italia è tra in Paesi che potrebbero raggiungere senza difficoltà l’obiettivo della eliminazione di HCV.

In questa vincente lotta all’epatite C l’Azienda Ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” con il suo direttore generale Mario Nicola Vittorio Ferrante è in prima linea. Il Centro prescrittore dei farmaci anti HCV della Unità operativa complessa di Malattie Infettive del nosocomio casertano , con circa 1600 pazienti eradicati dal virus su un totale di 23.000 trattati in Campania e 184.264 in Italia, è tra i protagonisti regionali e nazionali di questa lotta. Nell’ambito della strategia messa in atto per favorire l’accesso alla cura eradicante HCV si pone il momento formativo presso la sala di Cardiochirurgia del “Sant’Anna e San Sebastiano” di mercoledì 12 giugno su “HCV, dalla cura alla eradicazione, una storia a lieto fine?”. Responsabile scientifico l’infettivologo Vincenzo Messina. Relatori il primario di Malattie Infettive Nicola Coppola, oltre ad altri medici dell’équipe: Antonio Izzi, Angela Salzillo e Filomena Simeone.

L’evento rientra nei momenti formativi e informativi finalizzati al costante aggiornamento degli operatori sanitari su una terapia in continua rapida evoluzione e al ricordare che la battaglia della epatite C deve essere vinta.

You might also like

Attualità

A Parete il primo Museo della Fragola

(Claudio Sacco) – Nasce a Parete il Museo della Fragola di Parete. Il primo e unico museo del genere in Italia. Ad ospitarlo gli antichi ambienti del Palazzo Ducale, appena

Primo piano

Buone Notizie, un premio che educa alla bellezza del bene

(Maria Beatrice Crisci) – “I Papi che ho servito sono stati i primi comunicatori di notizie belle e importanti per la nostra società e la nostra umanità. Ho sempre cercato

Food

Caserta, al Prosit 1990 il pranzo come racconto di Natale

(Enzo Battarra) – Prosit! E si brinda affinché il futuro sia migliore, le feste siano piacevoli, il nuovo anno ricco di benessere e di soddisfazioni. Pranzo di Natale al Prosit

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply