Fabrizio Bosso al Moro, uno squillo di tromba all’Epifania

Fabrizio Bosso al Moro, uno squillo di tromba all’Epifania

(Redazione) – Un nuovo anno in jazz per il Moro di Cava de’ Tirreni. Venerdì 6 gennaio alle ore 22 a inaugurare il 2017 sarà il quartetto capitanato da Fabrizio Bosso. Col trombettista suoneranno Julian Oliver Mazzariello al piano, il contrabbassista Jacopo Ferrazza e il batterista Nicola Angelucci.

Bop del terzo millennio. I suoi attacchi sono micidiali, il suo senso dello swing proverbiale, il suo eloquio torrenziale. Ma Fabrizio Bosso dispone anche di altre frecce e lo sta dimostrando negli ultimi anni, dopo i folgoranti esordi: la voglia di sbalordire ha infatti lasciato il posto a un equilibrato mix di virtuosismo e poesia. Il trombettista torinese è oggi un artista maturo, capace di agire in più direzioni, di partecipare a omaggi a illustri colleghi come Miles Davis e Don Cherry, di confrontarsi con la musica di Nino Rota, di dialogare con musicisti dal background diverso dal suo come il fisarmonicista Luciano Biondini.  Con questo suo quartetto Bosso porta a sintesi compiuta le tante esperienze accumulate sino a oggi: l’amore per il bop è sempre presente, ma filtrato da un sensibilità e da un gusto personali. Del gruppo fanno parte elementi di sicura affidabilità quali Julian Oliver Mazzariello, uno dei migliori pianisti italiani delle ultime generazioni, il giovane contrabbassista Jacopo Ferrazza e il batterista Nicola Angelucci. Il repertorio è composto in gran parte da brani originali del trombettista, con qualche incursione nella grande musica della tradizione jazzistica e non solo, a seconda dell’ispirazione del momento.
Il jazz di questo quartetto è magnetico e imprevedibile, composizioni originali attraversate da umori e sensazioni del momento con riletture di brani che hanno fatto la leggenda del jazz. Una musica senza confini.

You might also like

Primo piano

Radici Fest Buskers. Tutto pronto per la terza edizione

Sembrava uno scherzo, sembrava una festa improvvisata e senza futuro, invece ecco la terza edizione del Radici Fest Buskers Al Borgo, il festival di artisti di strada della città di

Spettacolo

Buona la prima! Il concerto dei Nantiscia al Duel di Caserta

(Claudio Sacco, Ph Pino Attanasio) Era la prima, ma sul palco l’affiatamento era tanto, unito alla grande esperienza di molti dei protagonisti. Il concerto dei Nantiscia di presentazione del cd al Multicinema

Primo piano

Il Baciamano, un successo teatrale per Giovanni Esposito

Claudio Sacco  ph Pino Attanasio  – La nuova stagione teatrale della rassegna Magie Vocali si è aperta con un grande successo. In scena sul palcoscenico del Teatro Città di Pace

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply