Festa del Cioccolato. E’ boom di presenze a Caserta

Festa del Cioccolato. E’ boom di presenze a Caserta

Pietro Battarra

- «Il bilancio è estremamente positivo siamo felici dei numeri registrati, perché c’è stato un ulteriore incrementcioccolato nataleo di visitatori, rispetto all’ultima edizione, pertanto il risultato ottenuto rende merito al lavoro che stiamo portando avanti con la collaborazione dell’amministrazione comunale, del sindaco Carlo Marino e dell’assessore Emiliano Casale. Il format di Chocolate Days valorizza il raffinato mondo dell’artigianato e mette in risalto le tipicità locali». Così Gianfranco Ferrigno presidente del Movimento turistico del Cioccolato e delle Eccellenze Campane traccia il bilancio della Festa del Cioccolato che per tre giorni ha caratterizzato la città di Caserta. Un successo oltre ogni aspettativa per questa  IV edizione del Chocolate Days che si chiude con un vero e proprio boom di presenze. Numeri impressionanti per il week end dedicato alla dolce kermesse che si è svolta dal 30 novembre al 2 dicembre in piazza Gramsci – viale Douhet. Sono stati davvero in tanti ad affollare i quattordici stand all’interno del villaggio che ospitava i maestri cioccolatieri provenienti da cinque regioni italiane: Campania, Sicilia, Calabria, Lombardia e Lazio.

L’evento, oltre ad offrire un goloso viaggio nel mondo del cioccolato artigianale, ha consentito di partecipare ad originale laboratori e cooking show. Per l’occasione, si è cercato di dare risalto anche alle tipicità locali. Protagonisti di alcuni degli appuntamenti di Chocolate Days sono stati gli studenti dell’Istituto Alberghiero Veronelli di San Prisco che, guidati dalla docente Giovanna Vetromile, hanno tenuto un laboratorio, il Baby Chocolab,  rivolto agli alunni delle scuole elementari e medie di Caserta, sulla preparazione dei biscotti al cioccolato.

Gli studenti del “Veronelli” hanno dato anche libero sfogo alla loro creatività proponendo due particolari cooking show. Il primo dedicato alla “Torta Apple Ciock”, il secondo ad ucioccolato 4n piatto salato ““Ravioli al cioccolato con zucca e crema di parmigiano”. In entrambi i casi è stato proposto l’abbinamento con il celebre “Pallagrello”, della Cantina Di Lisandro, tipico prodotto locale, ricavato da un vitigno del casertano.

Chocolate Days ha permesso di puntare l’attenzione anche su alcune creazioni artigianali, in grado di fondere tradizione e originalità. E’ il caso delle idee proposte dalpasticciere Enrico Mungiguerra e dalla maestra cioccolatiera Anna Chiavazzo. Il primo ha svelato alcuni segreti del tipico e antico dolce aversano creato dalla sua famiglia, “La Polacca” , della quale è stata proposta una golosa variazione con ripieno al cioccolato. Con Anna Chiavazzo, invece, sono stati puntati i riflettori sulla sua nuova ed originale collezione “Dolci donne di storia”, ispirata alle figure femminili che sono state interpreti ed artefici della storia della Reggia di Caserta.

You might also like

Cultura

Giacomo Leopardi, l’amor di patria secondo Corrado Augias

Maria Beatrice Crisci – La stagione teatrale al  Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta è ormai quasi al termine.  Venerdì 20 aprile alle ore 20,45 con “O patria mia… Leopardi e

Primo piano

Marino si insedia al Comune di Caserta

Stamani il sindaco di Caserta, Carlo Marino, si è insediato nel suo ufficio presso il Comune di Caserta. Attorno alle 12 è avvenuto il passaggio di consegne con il commissario

Primo piano

Dieci anni senza Mama Afrika, Castel Volturno ricorda Miriam

Pietro Battarra – Sono dieci anni dalla scomparsa Miriam Makeba (Johannesburg, 4 marzo 1932 – Castel Volturno, 9 novembre 2008), la leggendaria cantante sudafricana, simbolo di lotta contro il regime dell’apartheid.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply