Frank Gambale, la chitarra che viene da lontano

Frank Gambale, la chitarra che viene da lontano

(Redazione) – E’ venuto dall’Australia, con la sua fidata chitarra. E’ venuto a suonare nel Quartiere Militare Borbonico di Casagiove dando ancor maggiore lustro a questa straordinaria edizione di Artestate.

Il jazzista Frank Gambale è stato il grande protagonista della seconda serata della rassegna estiva promossa dall’Amministrazione guidata dal sindaco Roberto Corsale, non a caso un appassionato di jazz. E il pubblico di Casagiove, ma anche di tanti altri centri del territorio, non ha mancato all’appuntamento. Il cortile della struttura borbonica era strapieno, con tutti i suoi 450 posti a sedere occupati e tante persone fuori ai cancelli ad ascoltare.

Frank Gambale è lo storico chitarrista della Chick Corea Electric Band. E’ venuto da lontano ma in realtà è originario di Paternopoli, in provincia di Avellino. La sua vena jazz predilige accenti di uno stile che si potrebbe definire rock/fusion.

Prima del concerto di Frank Gambale, è salito sul palco per l’opening il chitarrista aversano Ciro Manna con la sua band, formata da Antonio Muto alla batteria, Marco Galiero al basso e Alessandro Scialla al piano e tastiere. Questa stessa formazione, con l’esclusione di Manna, ha accompagnato poi Gambale nel suo concerto. Nel finale i due chitarristi si sono ritrovati  insieme sul palco con tutta la band.

You might also like

Primo piano

Classica a Carinola, chiusura con il pianista bulgaro Mundrov

Classica a Carinola, ciclo di anteprima dell’autunno musicale 2016 prosegue al convento di San Francesco di Casanova di Carinola. Dopo il concerto del duo di violini Cristiano Rossi & Roberto

Attualità

Alberthon. Un’app per la formazione dei giovani

Mancano pochi giorni al via di “AlberThon”; l’Hackathon a favore dell’istruzione e della formazione dei giovani, promosso dalla Fondazione Mario Diana Onlus dalle ore 10 del di venerdì 28 alle

Primo piano

Cultura Caserta, Tiziana Petrillo: In azione il Sistema Museale

Claudio Sacco – «Si tratta di una straordinaria opportunità di crescita culturale per i musei della provincia coinvolti, poiché gli studenti sono stati in grado di sviluppare idee originali coniugando

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply