Gianni Allocca al Teatro Izzo porta in scena Non ti pago

Gianni Allocca al Teatro Izzo porta in scena Non ti pago

Anna Maria D’Aniello

- Caserta, al Teatro Izzo debutta lo spettacolo di Eduardo de Filippo “Non ti pago”, che si terrà in quattro appuntamenti serali nei giorni 30 e 31 marzo ed il 6 e il 7 aprile. A portarlo in scena sarà la compagnia di Ernesto Cunto con la partecipazione di Gianni Cannavacciuolo e Giovanni Allocca, che ne cura la regia.

La celebre commedia scritta nel 1940 dall’autore partenopeo in pieno periodo di guerra, è affresco di un’umanità speranzosa in cerca di leggerezza in uno dei periodi più bui della storia: al centro della narrazione vi è il gioco del lotto, elemento fortemente caratterizzante della cultura napoletana, causa di una serie di eventi e malintesi, raccontato e presentato ironicamente grazie ad un cast di grande talento. Protagonista della storia è Amedeo Mattiello nei panni di Ferdinando Quagliuolo affiancato da Ernesto Cunto nei panni di Aglietiello, che vanta le molte presenze sul palco allo storico teatro casertano di via Kennedy. Nel cast ricordiamo Clementina Gesumaria (Concetta), Carmen di Mauro (la cameriera), Fausto Bellone (Bertolini) e ancora Gianni Gabriele, Nicoletta Fiorillo, Rossella di Lucca e Domenico Bottone. Lo spettacolo è a cura di Allocca e Cannavacciuolo.

You might also like

Primo piano

Start, mamme pronte al via! Alla Reggia nasce il baby pit stop

(Enzo Battarra) – Il pit stop è la fermata ai box in Formula 1. Il BPS, il baby pit stop, è la sosta tecnica per cambiare il pannolino e per allattare

Spettacolo

La Coscienza delle Donne va in scena al Teatro Comunale

Pietro Battarra – Sarà una settimana intensa di iniziative nell’ambito della settimana di sensibilizzazione alla lotta alla violenza sulle donne “Non basta dire basta!”. Iniziativa questa promossa dall’Assessorato all’Istruzione, alle Politiche

Editoriale

4 luglio, Independence Day. Quattro amici casertani al bar

Augusto Ferraiuolo* – Quando si avvicina il 4 di luglio ancora mi capita di fermarmi a riflettere un attimo su una serie di impliciti che sono – per me –

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply