I Longobardi al Mann. Una civiltà tutta da scoprire

I Longobardi al Mann. Una civiltà tutta da scoprire

Mario Caldara

- Un altro pezzo di storia si ricongiunge a Napoli, anche se momentaneamente. Questo frammento storico porta la firma dei Longobardi, popolo tra i meno conosciuti, fatto paradossale se si considerano il segno lasciato sul territorio campano e il profondo legame che lo lega allo “stivale”. La sede napoletana “assediata” dai nuovi arrivati è il Museo Archeologico Nazionale, con la mostra a loro dedicata che si ferma a Napoli dopo esser stata a Pavia, due tappe di un tour più grande, che andrà ben oltre i confini italiani. Schermata 2017-12-29 alle 00.44.45Ad aprile 2018, infatti, i Longobardi “marceranno” fino all’Ermitage di San Pietroburgo, evento che sancirà un inedito, essendo la prima volta che “metteranno piede” su territorio russo. Ma, ora, è il Mann a essere allestito in modo accurato, nei minimi dettagli, il cui primo piano conserva ed espone reperti di primissima fattura, una collezione dal valore inestimabile, che conta oltre trecento pezzi, tutti oggetti dell’epoca di vario tipo, tra cui monili, armi, armature, manoscritti ed epigrafi. La mostra ha dalla sua anche video originali, installazioni multimediali e centinaia di materiali del Mann vagliati dall’Università Suor Orsola Benincasa, che compongono uno studio accurato sia sui manufatti che su identità e cultura dei Longobardi. Difatti, la mostra va a fondo nella storia di questo popolo, molto legato all’Italia, in cui arrivò nel 568 per rivoluzionarla dai punti di vista storico, culturale e linguistico. E, così, ne viene fuori una rete d’intrecci che vanno da Nord a Sud, da Pavia, la loro antica capitale, a Capua, Benevento e Salerno, fino a Napoli appunto, città in cui tentarono di entrare senza successo, a differenza delle altre nominate. Tuttavia, i Longobardi non portano solo corni, anfore e altri oggetti di artigianato. A questo popolo, infatti, sono legate anche altre attrazioni culturali napoletane, tra le più importanti. Il Museo Archeologico Nazionale è così collegato alle Catacombe di San Gennaro, al Museo del Tesoro di San Gennaro e alla Chiesa delle Anime del Purgatorio. In tal maniera, anche gli altri siti culturali della città possono beneficiare dell’arrivo dell’antico popolo, rilanciandosi agli occhi della gente per poter mettere in mostra quelle bellezze che sopravvivono al tempo senza che questo le scalfisca. E, ancora una volta, il Mann si impone sulla scena culturale con la propria presenza, volta a mettere in primo piano l’arte e la storia, esponendo quel tipo fascino che solo il passato può suscitare.

You might also like

Spettacolo

Viva Marx, viva Freud. Sfida comica al Piccolo di Caserta

Al Piccolo Teatro Cts di via Louis Pasteur 6 a Caserta (zona Centurano) ritorna la formula del doppio spettacolo: per sabato 17 dicembre ore 21 è previsto Sigmund & Carlo

Primo piano

Sant’Agata de’ Goti, l’arte è “in limine” secondo Luca Palermo

Pietro Battarra – Il Castello Ducale di Sant’Agata de’ Goti ospiterà da sabato 7 ottobre la collettiva d’arte contemporanea dal titolo “In Limine” a cura di Luca Palermo. Il vernissage

Spettacolo

Maria diventa Nazionale, a Caserta porta il suo canto d’autore

Maria Beatrice Crisci Maria Nazionale è una signora della canzone. E finora è sempre stata identificata come esponente di una qualificata tradizione napoletana, ma sul palcoscenico del Teatro Comunale “Costantino

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply