“Il Mattino, impegno quotidiano”. Barbano a PulciNellaMente

“Il Mattino, impegno quotidiano”. Barbano a PulciNellaMente

(Claudio Sacco)

“Raccogliere l’eredità di figure cone Matilde Serao ed Edoardo Scarfoglio è un peso straordinario, ma è anche uno stimolore a produrre ogni giorno il massimo. Il Mattino è l’unica testata del Mezzogiorno ad avere ancora una forte visibilità nazionale. Questo è un ulteriore stimolo a dover fare bene”. Ha parlato così il direttore Alessandro Barbano nel descrivere il “suo” Mattino. Era lui l’ospite d’onore dell’appuntamento giovedì 10 maggio a Sant’Arpino promosso da PulciNellaMente per celebrare il quotidiano in occasione del 125° anniversario dalla fondazione. L’incontro nella Sala dei Busti del Palazzo Ducale “Sanchez de Luna”. E a lui è stato attribuito il Premio Speciale PulciNellaMente.

“Il Mattino compie 125 anni: un bagaglio di Storia e Cultura in cui si riflette Napoli e il Mezzogiorno”. È su questo tema che si è sviluppato l’incontro, aperto dai saluti del sindaco, Giuseppe Dell’Aversana, e del direttore di PulciNellaMente, Elpidio Iorio. Al tavolo dei relatori anche il magistrato Nicola Graziano, garante etico della rassegna atellana.

Iorio ha sottolineato: “Il Mattino non è mai stato semplicemente un giornale: è luogo di idee, di confronto, di impegno civile. Uno strumento di riscatto e progresso per il Mezzogiorno, ma anche un contributo alla vita e al rinnovamento dell’intero Paese. Da 125 anni Il Mattino continua giorno dopo giorno a scrivere il romanzo civile della città con senso di civiltà e grande determinazione. PulciNellaMente, che da sempre si batte per la crescita culturale e lo sviluppo sociale del nostro territorio, ha voluto per questi motivi celebrare questa speciale ricorrenza dando il giusto risalto alla straordinaria funzione che Il Mattino svolge quotidianamente per tutti noi”.

You might also like

Arte

Napoli ricorda Jannis Kounellis con il Metro Art Focus Tour

(Mario Caldara) – Era chiamato il “maestro dell’arte povera” che, in forte contrapposizione con l’arte tradizionale, si serve di oggetti comunissimi e realizza installazioni dal forte impatto creativo. Jannis Kounellis

Primo piano

Reggia di Caserta, Fausto Mesolella re di luce grazie a Lodola

Maria Beatrice Crisci – C’è anche il gigante luminoso di Fausto Mesollela, tra le sculture di Marco Lodola inaugurate il 13 giugno per la mostra Tempus-Time allestita nella Reggia di Caserta,

Primo piano

“Follia” e innovazione, le foto di Helmut Newton al PAN

(Mario Caldara) – Napoli come casa delle idee, della creatività, dell’arte. La città allarga le braccia e, ancora una volta, accoglie un maestro. Il PAN, il Palazzo delle Arti di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply