Impiattare, un’arte tutta gourmet. Un’esperienza per i sensi

Impiattare, un’arte tutta gourmet. Un’esperienza per i sensi

Vittoria Massaro *Dottorato in Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche

 Schermata 2019-05-02 alle 18.47.42“Quel che cotto è cotto, quel che è fatto è fatto, e quel che è impiattato è impiattato!”. Così esordiva lo chef Alessandro Borghese nel suo programma di cucina Ale Contro Tutti nel 2012. Impiattare, parasinteto verbale composto dal sostantivo piatto e degli affissi im- e –are, indica l’atto di porre delle pietanze su un piatto con gusto e criterio, talvolta adoperando elementi decorativi anch’essi commestibili quali ad esempio i fiori eduli, al fine di renderle gradevoli alla vista prima ancora che al gusto e all’olfatto. Più sintetico e immediato delle forme perifrastiche adagiare/disporre/mettere nel/sul piatto, è largamente diffuso nell’ambito culinario e della ristorazione ed è entrato a far parte del linguaggio comune grazie ai cooking show, che da anni dominano il panorama televisivo italiano e che hanno quindi svolto la funzione di amplificatori.

È interessante però notare che il dizionario etimologico online (www.etimo.it) fornisca una definizione radicalmente opposta di impiattare, che risulta infatti significare “nascondere, occultare: quasi far piatta e piccola una cosa, in modo da toglierla alla vista altrui”.

Tale termine risulta oggi lessicalizzato in alcuni dei principali dizionari della lingua italiana, quali lo Zingarelli, il Garzanti, il Devoto-Oli e il Treccani, come termine afferente all’ambito della ristorazione e con una forte connotazione estetica, data dalla ripetizione di termini quali “gusto”, “cura” ed “eleganza” nelle singole definizioni. Impiattare è stato inoltre inserito dal giornalista dell’Espresso Davide Guadagni nel suo Dizionario dell’Antilingua, che raccoglie le parole a suo dire “inascoltabili”, con la seguente definizione: “Disposizione coreografica del cibo nel piatto. Spesso superflua come chi la fa.”

Impiattare è spesso usato anche al participio passato, con le forme impiattato/a/i/e, e all’imperativo, impiattate, come spesso si sente gridare alla fine delle più famose gare di cucina. Molto diffuso è anche il sostantivo derivato impiattamento, che indica la disposizione del cibo nel piatto. Ora, non resta che imparare la meravigliosa arte dell’impiattare!

You might also like

Primo piano

Auguri, Caserta! Noa protagonista del concerto di Capodanno

Claudio Sacco – La cantante israeliana Noa insieme con il Solis String Quartet è attesa per lunedì, primo gennaio, alle ore 20,30 al Teatro Comunale di Caserta. Il titolo del concerto

Moda

Napoli Moda Design, si parte da un colpo d’occhio sulla città

Maria Beatrice Crisci Il roof al decimo piano del Royal Continental di Napoli è un luogo incantevole. Sarà perchè il magico Castel dell’Ovo è a un soffio, sarà perché si

Primo piano

In corteo anche ad Aversa per la Giornata della Memoria

Corteo ad Aversa, ma anche a Napoli, Avellino, Benevento e Salerno e in contemporanea a Messina e in 1000 luoghi in tutta Italia per la XXI Giornata della Memoria e

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply