Inclusione sociale dei migranti, l’esperienza di una volontaria

Inclusione sociale dei migranti, l’esperienza di una volontaria

Marta Gesuele/Antonio Porrino/Alfonso Renzi

- Cristiana Vozza, volontaria del servizio civile Unicef, è stata ospite della redazione Tv Giordani. A lei abbiamo rivolto alcune domande sul Progetto d’inclusione sociale dei migranti.

cristiana vozzaIn cosa consiste il Progetto nel quale è impegnata? “Si tratta di un Progetto che mira a due obbiettivi in particolare: da una parte l’integrazione del migrante minore straniero non accompagnato e dall’altra la sensibilizzazione. E’ un tema molto particolare perché il minore straniero non accompagnato gode, appunto, di una triplice vulnerabilità. Da una parte è un bambino o un adolescente, dall’altra si tratta di uno straniero, quindi vittima di politiche di repressione. Infine, non è accompagnato e non c’è una persona che se ne occupa, che miri al suo superiore interesse”.

Come si sta muovendo il progetto in provincia di Caserta? “Sul territorio ci sono tantissimi progetti. Appunto noi dell’Unicef collaboriamo con varie strutture, tra cui i centri di prima e di seconda accoglienza. Ci sono anche altri comitati che si occupano dell’accoglienza sia dei maggiorenni che dei minorenni. Cerchiamo appunto di creare delle attività che mirino alla piena ed effettiva integrazione di queste persone”.

Cosa spinge una ragazza ad occuparsi di questa organizzazione? “Il tema della migrazione mi è sempre interessato, avendo anche vissuto all’estero sono stata una migrante in prima persona. Quindi, la mia laurea triennale che è stata sul processo di integrazione e sul regolamento di Dublino, un tema che mi ha sempre affascinato anche perché io penso che non ci debbano essere differenze dettate dal colore della pelle, quindi è giusto che in qualche modo quello che io penso venga reso noto al pubblico”.

 

 

You might also like

Spettacolo

CortiSonanti. A Napoli ritorna il festival del cortometraggio

Pietro Battarra – L’appuntamento è per sabato 18 novembre al Maschio Angioino. Parliamo della ottava edizione di CortiSonanti, il festival internazionale del cortometraggio di Napoli, organizzato dall’associazione culturale AlchemicartS in collaborazione con l’Auditorium Caivano

Cultura

Culture Altre, incontri alla Parthenope per l’integrazione

(Antonella Guarino) – Prosegue, con grande successo, il ciclo di conferenze dal titolo “Culture Altre” presso la sede di via Acton dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”. L’iniziativa, fortemente voluta

Primo piano

Ttozoi, Genius Loci. Muffe su tela, a novembre a Caserta

Maria Beatrice Crisci –  L’innovativo progetto artistico del duo Ttozoi – “Genius Loci”, patrocinato dal Mibact, sarà presentato domani martedì 31 ottobre alle 11 presso Palazzo Massimo alle Terme, Largo Villa Peretti

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply