La mossa del cavallo, a Carditello si rivive la storia borbonica

La mossa del cavallo, a Carditello si rivive la storia borbonica

Marco Cutillo

- Ospiti a CarditelloSotto il sole splendente di una (troppo) calda giornata d’ottobre, il Real Sito di Carditello si mostra al pubblico nella sua seconda gioventù. Abbandonato completamente a se stesso, il fiore all’occhiello dell’allevamento di cavalli e dell’agricoltura borbonica rischiava di essere distrutto dall’incuria e dalla dimenticanza. È per questo motivo che la Fondazione Real Sito di Carditello decide di intervenire e riportare la struttura ai suoi antichi fasti.

DuCavalli a Carditello 2nque la terza edizione della manifestazione “Cavalli&Cavalieri” è l’occasione perfetta, non solo per mostrare al pubblico i passi in avanti compiuti nel lavoro di riqualificazione, ma per ribadire che la Fondazione si sta attivando anche per la ristrutturazione delle mura e il recupero dei mobili rubati. Qualora ciò non fosse possibile, ne verrà creata una riproduzione digitale. «Siamo riusciti a restituire alla Reggia il suo antico valore che va oltre le mura. Inoltre vogliamo Real Sito di Carditelloripristinare l’allevamento della razza Governativa di cavallo Persano in questo luogo», spiega Luigi Nicolais. «Caserta, San Leucio e Carditello rappresentavano una visione moderna del lavoro. Qui è nata la prima rivoluzione industriale. Il complesso era il più all’avanguardia d’Europa». E fa bene, il presidente, a sottolineare l’importanza di questi tre siti. Con il galoppatoio più grande del mondo, Carditello risulta essere l’ambiente ideale per l’allevamento di equini. Così, dopo i saluti istituzionali del generale di corpo d’armata Antonio Ricciardi, comandante delle Unità forestali, ambientali e agroalimentari dei Carabinieri, del questore di Caserta Antonio Borrelli, del procuratore della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere Maria Antonietta Troncone e del sindaco di San Tammaro Ernesto Stellato, il gioco ha inizio.

Sulle note della Fanfara a Cavallo, il Quarto Reggimento dei Carabinieri ha eseguito le figure tradizionali del carosello storico, arrivando anche a simulare un attacco della cavalleria. In seguito, alcuni rappresentanti dell’associazione Aicav – Accademia italiana cavalieri d’alto volo – hanno dato una dimostrazione dell’arte della falconeria. Ci sarebbe da chiedersi se le immagini che si vedono non siano un’allucinazione causata dal sole. Oppure, ci si potrebbe guardare in torno per cercare Benigni e Troisi che scrivono la lettera a Savonarola. Fortunatamente nessuno è impazzito. È la bellezza della storia che stordisce, soprattutto quando, viva, ce la si trova davanti agli occhi.

You might also like

Attualità

Dario Tartaglione trionfa alla finale internazionale di Sanremo Junior

Sabato 7 Maggio, al teatro Ariston di Sanremo, il pubblico in sala ha assistito al trionfo di Dario Tartaglione alla finale internazionale del festival Sanremo Junior. Il giovanissimo cantante di Marcianise si è classificato

Editoriale

16 luglio, la Madonna del Carmine nella rumba degli scugnizzi

Enzo Battarra – “Chella bella Mamma d”o Cármene v”o ppava. Nun mm”o ppòzzo faticá!”, così canta la Nuova Compagnia di Canto Popolare in quello che è un capolavoro di Raffaele

Cultura

Un casertano al Festival della Musica Italiana a New York

Il Festival della Musica Italiana di New York porta in finale 10 nuovi talenti con brani inediti selezionati in tutto il mondo, cinque provenienti dall’Italia come vincitori di altrettanti Festival

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply