La pittura secondo Barbara Rose in 50 quadri, evento Reggia

La pittura secondo Barbara Rose in 50 quadri, evento Reggia

Maria Beatrice Crisci

giovanni Francesco frascino

Giovanni Francesco Frascino

- “Io sono venuta varie volte a Caserta e sono innamorata del Palazzo Reale“. Così Barbara Rose, famosa storica dell’arte statunitense ai microfoni di Ondawebtv. L’incontro avviene in una particolare location, il B&B Tittiartistic, a pochi passi dalla Reggia vanvitelliana. In questi giorni la Rose è a Caserta per la mostra da lei curata “La Pittura dopo il Postmodernismo”, che si apre venerdì 13 aprile. Si tratta invero della terza edizione del progetto, inauguratosi prima a Bruxelles nel 2016 e poi presentato a Malaga nel 2017. L’esposizione, che comprende cinquanta dipinti realizzati da eminenti artisti statunitensi, belgi e italiani, è accompagnata da un esaustivo catalogo con testi critici e riproduzioni a colori di tutte le opere esposte. Giovedì 12 aprile  alle 17,30 la conferenza stampa con diverse testate nazionali ed internazionali accreditate e il vernissage esclusivamente su invito. Gli artisti statunitensi presenti in mostra sono: Walter Darby Bannard, Karen Gunderson, Martin Kline, Melissa Kretschmer, Lois Lane, Paul Manes, Ed Moses e Larry Poons. I belgi: Mil Ceulemans, Joris Ghekiere, Marc Maet, Werner Mannaers, Xavier Noiret-Thomé, Bart Vandevijvere e Jan Vanriet. Gli italiani: Roberto Caracciolo, Arturo Casanova, Bruno Ceccobelli, Elvio Chiricozzi, Gianni Dessì, Nino Longobardi, Roberto Pietrosanti, Marco Tirelli e Rossella Vasta. L’allestimento della mostra è a cura dell’architetto Giovanni Francesco Frascino. “L’allestimento – confida a Ondawebtv – è stato una vera sfida perché lavorare in un contesto del genere, in un Palazzo ricco di storia, ci ha portato ad una soluzione di rispetto. E’ stato fondamentale pensare a Luigi Vanvitelli che in un solo gesto è riuscito a tenere insieme la natura, l’architettura e la città”.  La mostra è patrocinata dal Mibact, Reggia di Caserta, Regione Campania, Museo Madre, Comune di Caserta, Ambasciata Americana, Ambasciata Belga, Ordine degli Architetti di Caserta, Camera di Commercio di Caserta e Cna. L’organizzazione è a cura di Duepiùduecinque.

You might also like

Arte

L’arte, quel filo diretto che da secoli unisce Napoli alla Russia

Mario Caldara – La storia celebrata attraverso la storia stessa. O, per meglio dire, attraverso una delle componenti della storia: l’arte. Questa, talvolta sottovalutata, dice tanto sul tempo passato e, grazie

Primo piano

Dissesto Provincia di Caserta. La Sgambato auspica l’arrivo di fondi dal Governo

“La decisione, a fronte del parere negativo di Governo e Relatore, di ritirare l’emendamento ‘salva Province’ non deve far venire meno l’impegno di tutti per assicurare il funzionamento dell’Ente Provincia. 

Primo piano

L’Impressionismo a Palazzo Zevallos, da De Nittis a Gemito

Mario Caldara – C’era un tempo in cui Napoli era un centro culturale invidiabile, una miniera, il cui oro era rappresentato da poeti, pittori, scultori e, in generale, da artisti.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply