La Reggia di Caserta in musica per l’International Jazz Day

La Reggia di Caserta in musica per l’International Jazz Day

Maria Beatrice Crisci

- L’International Jazz Day, la giornata Unesco che dal 2012 mobilita ogni anno centinaia di iniziative in tutto il mondo, per celebrare una musica simbolo di dialogo interculturale e tolleranza, quest’anno farà tappa alla Reggia di Maria-Pia-De-Vito-e-Huw-WarrenCaserta. Pomigliano Jazz, che è tra i promotori di I-Jazz e referente per la Campania, ha programmato infatti due giornate di iniziative. Domenica il 29 aprile alle 17.30 nella suggestiva e monumentale cornice della Cappella Palatina della Reggia di Caserta con il duo Diálektos composto dalla cantante partenopea Maria Pia De Vito e il pianista britannico Huw Warren. Lunedì 30, invece, a Pomigliano d’Arco (NA) va in scena R.A.M. (random access music), progetto che vede insieme Flavio Guidotti (synth, elettronica), Aldo Capasso (basso elettrico, synth) e Massimo Del Pezzo (batteria), con ospiti Gamino e gli allievi della scuola Spazio Musica, che ospiterà il live set, anticipato alle 17.30 da proiezioni di film e video, ascolto guidato di vinili e presentazione di cd. Entrambi gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili.

reggia-cannocchialeTra i luoghi della grande bellezza italiana che si prestano ad accogliere un calendario ricco di appuntamenti, concerti, degustazioni di prodotti locali e visite guidate, a cura dei volontari di Unesco Giovani, ci sono oltre alla Reggia di Caserta, anche il Sacro Monte di Varallo Sesia, il Castello Reale di Moncalieri, il Parco delle Incisioni Rupestri di Luine in Val Camonica, l’Orto Botanico a Padova, il centro storico di Urbino, Castel del Monte nelle Murge, il Nuraghe di Tanca Manna a Nuoro, il sito archeologico di Barumini Su Nuraxi nel sud della Sardegna, Alghero e il suo centro storico, le isole di Asinara e Tavolara, le Ville Medicee attorno a Firenze, il Palazzo Platamone o della Cultura a Catania, il Teatro Farnese e l’Abbazia di Valserena a Parma.

In Italia, quest’anno per la prima volta, prende forma un progetto unico, con un calendario di concerti e altri eventi organizzati in 19 Siti Unesco e luoghi del “Patrimonio mondiale dell’umanità”, di ben 10 regioni, con la partecipazione di artisti e formazioni jazz, nazionali e internazionali. Unesco in Musica si svolgerà da sabato 28 aprile a martedì 1 maggio, in Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Puglia, Sicilia, Sardegna e ovviamente Campania. Il progetto è coordinato a livello nazionale dall’associazione I-Jazz, che raccoglie alcuni dei più noti e seguiti festival jazz italiani, col supporto del MIBACT- Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, in collaborazione con l’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO, la Federazione Nazionale Il Jazz Italiano, l’Istituto Italiano di Cultura a Parigi, il Comune di Pomigliano d’Arco, la Reggia di Caserta e l’AssociazioneSpazio Musica.

D

You might also like

Cultura

Spazio Corrosivo, parole di pietra narrate intorno al braciere

Pietro Battarra – La bella stagione sembra ormai prendere il sopravvento sui ricordi dell’inverno. Ma c’è ancora tempo per una “lettura intorno al braciere”, il ciclo di incontri promosso dallo

Attualità

16 luglio, la Madonna del Carmine nella rumba degli scugnizzi

Enzo Battarra – “Chella bella Mamma d”o Cármene v”o ppava. Nun mm”o ppòzzo faticá!”, così canta la Nuova Compagnia di Canto Popolare in quello che è un capolavoro di Raffaele

Primo piano

L’identità e i luoghi, Giuseppe Rescigno all’Arcos di Benevento

Enzo Battarra – È stato un emblema degli anni Settanta ed è un artista tuttora attivo e innovatore. È Giuseppe Rescigno e a lui è dedicata un’ampia mostra che si inaugurerà

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply