La resilienza: da tecnicismo a fenomeno sociale

La resilienza: da tecnicismo a fenomeno sociale

Serena Mottola*

- Capita spesso che termini originariamente appartenenti ad un linguaggio specialistico vengano usati anche nella lingua comune, con un’accezione metaforica e più ampia rispetto al significato originario. È il caso, questo, del termine “resilienza”, ultimamente molto utilizzato da mass media, giornalisti e scrittori.

una-parola-al-meseIn alcune discipline scientifiche, quali la fisica e l’ingegneria, la resilienza è la capacità di un materiale di reggere agli urti senza spezzarsi. Uno degli esempi più utilizzati per la comprensione del fenomeno è quello di una racchetta da tennis, le cui corde, deformate dall’urto con la pallina (deformazione elastica), non si rompono, ma assorbono un quantitativo di energia che restituiscono colpendo la pallina a loro volta. Al contrario, i materiali definiti “fragili” sono quelli con un carico di elasticità prossimo alla rottura.

Schermata 2018-03-07 alle 08.56.56La parola “resilienza”, dal latino “resilientia”, viene spesso erroneamente ricondotta alla forma inglese “resilience” e considerata un calco linguistico. In lingua italiana compare per la prima volta in alcuni articoli filosofici del XVIII secolo, con un’accezione più metaforica e meno specialistica. Con il passare del tempo, e in particolare a partire dal 2010, si è infatti parlato di “resilienza” in numerosi ambiti scientifici e non, conservando comunque l’originario significato del termine: in psicologia, ad esempio, la resilienza è la capacità di un individuo di recuperare l’equilibrio psicologico dopo un trauma, mentre nella tecnologia dei filati sono definiti “resilienti” quei tessuti che riescono a riassumere l’aspetto originale a seguito di una deformazione. È interessante notare che la forma aggettivale “resiliente” continua a mantenere una connotazione più tecnica rispetto al sostantivo “resilienza”, maggiormente flessibile.

Attualmente, si attesta un elevato riferimento alla resilienza soprattutto da parte di mass media e giornalisti. L’accezione più frequente è quella socio-psicologica: si parla, più che di materiali, di persone dotate di resilienza, cioè della capacità di reagire e andare avanti nonostante le difficoltà incontrate e i traumi subiti. Non si tratta solo di “resistenza”, poiché manca nella definizione di quest’ultima il riferimento alla reazione (positiva) del soggetto di fronte al problema. Probabilmente, il sempre più diffuso utilizzo del termine in ambito sociale è dovuto al clima di crisi ed instabilità vissuto dal nostro paese negli ultimi anni; le persone, trovandosi di fronte a difficoltà sempre più pesanti, sia materiali che “ideologiche”, hanno dovuto affinare la capacità di imparare dai problemi e ripartire da essi, dotandosi di una ormai necessaria “elasticità mentale”. E poiché la lingua è sempre lo specchio della comunità di parlanti che la utilizza, troviamo che il termine “resilienza” si riferisca, ormai, ad un vero e proprio fenomeno sociale.

*Dottorato in Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche – XXXIII ciclo
Università degli Studi di Napoli “Parthenope

You might also like

Arte

Opificio Puca, a Sant’Arpino nasce un nuovo centro per l’arte

Claudio Sacco – Opificio Puca è il centro per l’arte contemporanea che il gallerista Antonio Rossi inaugurerà domenica alle ore 10 a Sant’Arpino, al civico 61 di corso Atellano. La

Cultura

Assassinio in salsa napoletana, il romanzo di Pino Imperatore

Enzo Battarra – Napoli in “giallo” nel nuovo romanzo di Pino Imperatore. Ma lo scrittore non ha rinunciato alla sua splendida vena umoristica. E ha svelato la genesi e la

Primo piano

I Guardiani, il romanzo di Maurizio de Giovanni a Caserta

Luigi D’Ambra L’ ultimo libro di Maurizio de Giovanni I Guardiani, si preannuncia già come un successo. Dopo le storie del commissario Ricciardi e quelle dei Bastardi di Pizzofalcone, senza

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply