L’apicoltura è ancora un’opportunità? Esperti a confronto

L’apicoltura è ancora un’opportunità? Esperti a confronto

Claudio Sacco

WhatsApp Image 2019-05-23 at 23.01.17 (1) – “Apicoltura una risposta sostenibile alle istanze della Società”. Se ne parlerà domani sabato 25 maggio alle ore 10 a Santa Maria Capua Vetere, presso l’Istituto Scolastico “I Carissimi”, in un interessante convegno sull’apicoltura. L’iniziativa si svolge nell’ambito della presentazione del progetto SOCIAPI, sviluppo di attività apistiche finalizzate all’inclusione sociale di fasce deboli e giovani. “L’evento è tra quelli tesi a collegare il mondo della scuola con quello dell’impresa e del lavoro. Inoltre – sottolineano gli organizzatori – cade proprio in una delle stagioni più difficili per il settore, a causa delle ostili condizioni climatiche che hanno sostanzialmente azzerato le prime produzioni e messo pericolo la stessa sopravvivenza delle api, per mancanza di alimento”.

Dopo i saluti del padrone di casa, il professore Raffaele Iervolino, l’apertura dei lavori a cura di Francesco d’Amore vice presidente della Coldiretti di Caserta. Quindi, Lucia Coletta, dirigente della Regione Campania, responsabile della misura dell’agricoltura sociale, Gian Paolo Cesaretti della Fondazione Simone Cesaretti, Riccardo Terriaca direttore CoNaProA, il Consorzio nazionale dei produttori apistici. E ancora, il presidente della Cooperativa Giancarlo Siani, storico presidio di legalità nel centro di Ercolano, e Emilio Caprio, docente di apicoltura all’Università degli Studi di Napoli, Pier Paolo Carlino PhD.

L’evento si chiuderà con un vero e proprio festival della pizza napoletana. I maestri pizzaioli, infatti, accenderanno i forni della scuola alberghiera e offriranno ai presenti la “pizza napoletana” che, quando si parla di made in Italy, è sempre in prima fila a testimoniare come le nostre produzioni sono uniche ed irripetibili se ottenute con la testa e … con il cuore.

You might also like

Cultura

La scrittrice Maria Bruno al Centro Hecate di Casagiove

(Redazione) – Sabato 28 gennaio prende il via la nuova serie di incontri del Centro Hecate di Casagiove, anima culturale e formativa di Spazio Donna, di cui è responsabile Adele Grassito. Protagonista

Primo piano

Cenerentola della cultura, brilla ancora “Sentieri di memoria”.

Marco Cutillo – Si è conclusa, con l’assegnazione del premio “Santa Maria a Macerata”, la manifestazione culturale “Sentieri di memoria”. Organizzato da Bartolo Corbo, l’evento ha tenuto impegnato il pubblico

Primo piano

Castel Campagnano, “Anime Borboniche” nel Castello Ducale

Maria Beatrice Crisci (ph Pino Attanasio) – “Tutto ciò che è questo territorio, Napoli e poi Caserta, mi ha sempre ispirato. Dalla musica al teatro e poi al cinema. Ho

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply