Letteratura al Settembre al Borgo, una questione meridionale

Letteratura al Settembre al Borgo, una questione meridionale

Marco Cutillo (ph Pino Attanasio)

- pinoattanasio© (20) - de core - duomoQuest’anno, per la prima volta, Settembre al Borgo si svolge anche all’insegna della scrittura. “Il Sud non è magia”, questo il titolo scelto per la nuova sezione dal curatore Luigi Ferraiuolo, sezione che arricchisce il festival e che è stata inaugurata ieri. Al duomo di Casertavecchia si sono alternati: Francesco de Core, saggista scrittore e caporedattore centrale del quotidiano Il Mattino, autore di «Un pallido sole che scotta: viaggio nelle (ri)scritture meridiane», Andrea Di Consoli, scrittore, autore di «Unomattina», Elisa Ruotolo, scrittrice, finalista al «Premio Strega», Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco archeologico di Paestum. La discussione è stata moderata da Piero pinoattanasio© (35) maurizio de giovanniSorrentino, conduttore di Zazà, Radio3 Rai, che ha proposto come spunto per il dialogo il rapporto che gli scrittori del Sud hanno con la realtà. “Noi meridionali da 150 anni ci chiediamo ancora chi siamo e perché siamo diversi” dice Andrea di Consoli.

InSchermata 2018-09-05 alle 15.02.14 secondo momento, con «Lo speciale caso del commissario Ricciardi e dei suoi fantasmi. Viaggio nello scrittore più “suddista” che c’è», il festival ha avuto il piacere di ospitare lo scrittore Enaudi, best seller, Maurizio De Giovanni, che è stato intervistato da Marilena Lucente. Successo, scrittura e tanto commissario Ricciardi sono stati il leitmotiv del dibattito. “Quando leggete un libro, dovete essere solo voi ed il libro. E’ un’esperienza poco social”. Entrambi gli incontri sono stati accompagnati dalla chitarra di Ubaldo Tartaglione, mentre alcuni brani sono stati recitati dall’attore Piero Grant. In prima fila con il direttore artistico del festival Enzo Avitabile, il curatore della nuova sezione Luigi Ferraiuolo e l’assessora alla cultura Tiziana Petrillo che ha, così, aperto la serata: «Credo nello sviluppo culturale della città. L’industria che si deve insediare nel territorio è l’industria della cultura». Ad impreziosire la serata la voce di Annalisa Messina dei Nantiscia.

You might also like

Primo piano

Come mi vesto oggi? L’outfit del giorno

(Redazione Moda) – Sapere come vestirsi, e cosa indossare per ogni occasione è un’esigenza di tutte: sia di chi ama indossare una mise diversa ogni giorno, sia di chi metterebbe sempre

Attualità

Caserta, il Terra di Lavoro mette le ali e il corso diventa breve

Pietro Battarra – Open Day all’istituto Terra di Lavoro. Tra gli istituti tecnici che partiranno con la novità del corso breve di studi c’è il Terra di Lavoro. La preside Emilia

Editoriale

I riti settennali dell’Assunta a Guardia Sanframondi

Augusto Ferraiuolo – Ogni sette anni, e per sette giorni, Guardia Sanframondi diventa il centro dell’attenzione di antropologi, sociologi, studiosi della religiosità incuriositi per lo più dagli atteggiamenti devozionali che

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply