Lilt, la Reggia in azzurro per la prevenzione ai tumori maschili

Lilt, la Reggia in azzurro per la prevenzione ai tumori maschili

Claudio Sacco

- La Reggia di Caserta si illuminerà di azzurro domani mercoledì 13 giugno. L’Amministrazione comunale ha inteso così aderire al Percorso Azzurro della Lilt, la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori. È una campagna nazionale di penzo 3revenzione oncologica rivolta alle persone di sesso maschile.

“Sarà un gesto di forte impatto e valore simbolico”, sostiene il presidente della sezione provinciale di Caserta della Lilt, Enzo Battarra. Il Comune di Caserta ha così inteso mostrare la propria attenzione a iniziative volte alla prevenzione e alla sensibilizzazione in materia di informazione e ricerca scientifica.

Inoltre, la sezione provinciale della Lilt di Caserta, sempre nell’ambito del Percorso Azzurro, ha organizzato una giornata di visite urologiche gratuite per lunedì 18 giugno presso l’ospedale Moscati di Aversa, dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 18 al quarto piano del corpo centrale del nosocomio. E questo grazie alla disponibilità della Direzione Generale dell’Asl Caserta, del direttore sanitario del Presidio Ospedaliero di Aversa Angela Maffeo e dell’urologa Virginia Di Fusco, supportata dall’infermiera Cesarina Oliva.

You might also like

Primo piano

Al MantovanelliveCaserta cena di solidarietà per la Lilt

Luigi D’Ambra – E’ per sabato prossimo 2 dicembre il charity event per la raccolta di fondi da destinare alla sezione provinciale casertana della Lilt, la Lega Italiana per la

Moda

Miss Italia, le bellezze della Campania alla conquista di Jesolo

Regina della Torre – “Sono ben nove le ragazze che partono per la prefinale di Jesolo dal 3 all’8 settembre. Tra loro una sola casertana: Federica Aversano di Santa Maria Capua

Cultura

La guerra vista dagli scienziati, Capaccioli speaker nell’Arena

 Pietro Battarra  – Spartacus va alla guerra. Dinanzi all’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere, quello che fu l’arena del gladiatore tracio, Massimo Capaccioli, professore emerito di Astrofisica all’Università Federico II

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply