Lo screenshot al tempo dei social, l’arte di catturare immagini

Lo screenshot al tempo dei social, l’arte di catturare immagini

Vincenzo Simoniello*

Schermata 2018-09-03 alle 08.57.19- La parola inglese screenshot, dall’unione dei sostantivi screen (“schermo”) e shot (“scatto fotografico”), designa comunemente oggi «un’immagine dei dati visualizzati sullo schermo di un computer o di un dispositivo mobile», contenuti catturati anche grazie alla facile combinazione di tasti (solitamente due) offerta dagli odierni smartphone per eseguire l’operazione, come definito, ad esempio, dagli Oxford Dictionaries.

La prima attestazione nota del termine risale al 1983, anno in cui venne coniato da Bill Kunkel all’interno della rivista mensile americana Electronic Games, la prima specializzata in video games, con l’accezione di «fermo-immagine di un gioco».

Di recente divenuta pratica comune in Rete a livello globale, soprattutto nei dibatti socio-politici che infiammano i social media come Twitter nell’era della post-verità digitale, come modalità ad esempio per fornire prove “tangibili” di post, tweet o qualsiasi attestazione scritta compromettente (la cui fonte spesso viene cancellata in seguito a polemiche sollevate da avversari e/o opinione pubblica), la forma verbale inglese to screenshot (anche nella forma del participio presente e gerundio screenshotting, oltre che per derivazione come participio passato e aggettivo screenshotted) sta prendendo sempre più piede parallelamente all’espressione to take a screenshot, come registrato, tra gli altri dal Mcmillan Dictionary.

Analogamente, l’entrata nella lingua italiana dell’anglicismo screenshot come prestito integrale, ormai pienamente nell’uso soprattutto dello nuove generazioni, ha di recente prodotto per derivazione – adattandola, come spesso avviene per i forestierismi, alle regole fonetiche morfosintattiche dell’italiano (come nel caso, ad esempio, di postare, dall’inglese to post) – la forma verbale screenshottare, neologismo entrato nel Vocabolario Treccani nel 2018.

Intesa appunto come l’azione – o, si potrebbe azzardare, l’ “arte”, vista la prontezza di esecuzione spesso richiesta – del catturare in un’immagine contenuti digitali, in altre lingue romanze come il francese, lo spagnolo e il portoghese, solitamente meno propense dell’italiano all’accoglienza di anglicismi, sono maggiormente presenti nell’uso rispettivamente i termini (e le relative forme verbali): capture d’écran/ capturer d’/l’écran; captura de pantalla (o pantallazo)/capturar la pantalla; captura de tela/capturar a tela.

 

 

* Dottorando di Ricerca in “Eurolinguaggi e Terminologie specialistiche”, Università degli Studi di Napoli “Parthenope”

You might also like

Primo piano

Imprese al femminile, al via il Progetto Idisa

(Maria Beatrice Crisci) – Ha preso il via ieri negli ampi e accoglienti spazi di Magistra Formazione a Caserta, il progetto Idisa promosso dal gruppo di lavoro “donna e impresa”

Primo piano

Terrae Motus. Ecco le didascalie parlanti realizzate dai ragazzi della Sun

“Rendere il territorio più colto è l’obiettivo comune della Reggia di Caserta e della Seconda Università degli studi di Napoli” – dichiara Mauro Felicori all’apertura della conferenza stampa tenutasi stamattina

Primo piano

ZTL a Caserta. Il Coasca chiede un piano del traffico

Il Coasca, il Coordinamento delle Associazioni Casertane, ancora una volta si mostra stupito dalle notizie apparse sulla stampa cittadina nel periodo di Ferragosto in cui si fa riferimento a una

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply