Maria Adele Del Vecchio, un’opera racconta la sua storia

Maria Adele Del Vecchio, un’opera racconta la sua storia

Claudio Sacco

- Sabato 7 luglio sarà Maria Adele Del Vecchio la protagonista alle ore 20 dell’ultimo incontro, prima dell’estate, di My Work Tells My Story, ovvero “Mi racconto in un ‘opera“. Il ciclo di sette conversazioni è condotto dal critico d’arte Enzo Battarra con altrettante protagoniste della scena artistica nazionale e internazionale che hanno scelto di vivere nel territorio campano. Ad ospitare la rassegna è il d2.0-box, ovvero lo spazio fisico della dirartecontemporanea2.0Gallery di Caserta condotta da Angelo Marino. Maria Adele Del Vecchio per l’occasione ha scelto di raccontarsi attraverso un piccolo e prezioso lavoro del ciclo o momento degli specchi (Mirrors). Un lavoro che l’artista così descriveva a Giulia Scuro in un’intervista/articolo su Racna Magazine ( 28 Marzo 2015 ): “Uno dei miei ultimi lavori è di presentare degli specchi dai quali ho grattato l’argento sul retro per restituire loro la trasparenza. In questo modo guardarsi allo specchio diviene un modo per guardare attraverso lo specchio, oltre di esso. Il mio rapporto con lo specchio, e con la possibilità di affermare o meno ciò che si è, parte dall’assertività apparente di quel tipo di supporto per cui io mi rifletto e posso pensare: Io sono e quel che vedo è vero. In realtà lo specchio è anche misterioso, è la finestra su qualcosa che è comunque ancora arbitrario chiamare realtà e inoltre si tratta di una replica in movimento, una replica dello sparire più che dell’apparire della realtà”.

You might also like

Food

Con Colorito agosto si tinge di comicità… e buona cucina

Dal 12 al 15 agosto sul palco di Colorito, il nuovo format casertano del Gruppo Megamark che valorizza e promuove le tipicità agroalimentari territoriali, si alterneranno in spettacoli gratuiti i

Arte

Il murales del sorriso. La stazione di Edenlandia si rifà il look

Riqualificare le stazioni in Napoli e provincia delle linee ferroviarie E.A.V. (Circumvesuviana, Cumana e Circumflegrea) che versano in stato di degrado attraverso la Street Art, coinvolgendo artisti pronti ad esprimere

Arte

“Migrantes”, viaggio verso un’arte e un teatro sociali

Nell’anno record degli sbarchi di migranti in Italia, il progetto “Tradizione & Traduzione”, diretto da Patrizio Ranieri Ciu, propone una particolare lettura artistica e sociale del fenomeno migrazioni con “Migrantes”,

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply