Moya sedotto e abbandonato, triste storia al MAC3 di Caserta

Moya sedotto e abbandonato, triste storia al MAC3 di Caserta

Enza Sesio

- Lo scorso 23 febbraWhatsApp Image 2019-06-10 at 17.52.09io  gli appartamenti della Reggia di Caserta hanno ospitato il “Moya Royal Transmedia”, la mostra personale di Patrick Moya, artista eclettico e poliedrico. Le sue opere sono presenti nella galleria Ferrero, celebre per difendere l’esistenza dei più grandi artisti della scuola di Nizza, murali affrescano una cappella che porta il suo nome nel villaggio di Clans, un suo carro ha sfilato al carnevale di Nizza, sculture monumentali in acciaio sono erette in Asia, ha modellato lettini di ceramica in Italia. Nel 2009 ha partecipato a Firenze al Rinascimento virtuale, titolo della prima esposizione d’artisti di Second Life: una sala intera fu consacrata alla tematica “Civiltà Moya”. Alberto di Monaco ha offerto uno studio all’artista con una spettacolare vista sull’ esclusivo Yacht Club del Principato. Onori goduti finora solo da Botero e Arman. Nel racconto artistico di Moya il reale e virtuale si intrecciano, a Caserta si intrecciano il reale e il surreale. Il Moya Land, un’opera 3 metri x 2 in bianco e nero su tela, donata al comune di Caserta dall’autore stesso, valore 10.000 euro, è, a differenza di tutti gli onori che meritano i lavori dell’artista, abbandonata in uno dei bui corridoi del MAC3 di Caserta. L’augurio naturalmente è che non rimanga a lungo così, del resto basterebbero davvero due fisher per appendere il quadro. Con buona pace dell’arte e della cultura!

You might also like

Spettacolo

Campania sempre più Feelix, la Jazz Orchestra è al Parravano

Pietro Battarra – Musica di qualità al Teatro Parravano di Caserta giovedì 27 dicembre con il concerto della Campania Feelix Jazz Orchestra diretta da Pietro Condorelli. L’evento è organizzata nell’ambito della rassegna natalizia

Food

La cucina napoletana raccontata da Pignataro

(Luigi D’Ambra) – “La cucina napoletana”. E’ questo il titolo del libro di Luciano Pignataro, giornalista de Il Mattino, che sarà presentato domani alle 18 al ristorante Le Colonne a

Arte

Napoli. “Luce – l’immaginario italiano” a San Domenico

Mario Caldara – Dagli anni ’20 a oggi ne è passata di acqua sotto i ponti. L’Italia e Napoli hanno attraversato diversi periodi, e i differenti eventi che hanno investito

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply