Napoli, alla Misericordiella la personale di Valentina Palazzari

Napoli, alla Misericordiella la personale di Valentina Palazzari

Maria Beatrice Crisci (ph Pino Attanasio)

valentina palazzari- È la Chiesa di Santa Maria della Misericordia ai vergini ad accogliere la personale di Valentina Palazzari «Si sta come d’autunno». È un progetto site specific dedicato agli spazi della chiesa e agli ambienti ipogei, curato da Davide Sarchioni. Ad accogliere lo spettatore è un tappeto di foglie morte. La mostra è presentata sotto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, in collaborazione con La Di-Art e TerraMedia. Alla chiusura, prevista per il 7 gennaio, sarà presentata una pubblicazione, con testi di Bruno Corà e Davide Sarchioni. Enzo Battarra su Mattino scrive: “Un tappeto di foglie morte accoglie lo spettatore. Tutto il pavimento della chiesa è inondato da queste fragili prepinoattanasio© (1) ridottasenze segnate dal tempo, lievi relitti vegetali senza più vita, raccolti lungo le strade della città. E qui il riferimento ai versi di Giuseppe Ungaretti, che danno il titolo alla mostra, è esplicito. «Si sta come d’autunno», e viene da aggiungere «sugli alberi le foglie». E tutta la precarietà della vita è nel titolo della poesia: «Soldati». Ma qui c’è già stato il distacco dalla pianta, la morte non è più annunciata, ma è avvenuta. E pur si muove, il magico tappeto naturale viene agitato da dieci ventilatori industriali. Le foglie morte, e qui viene alla mente un’altra celebre citazione, si rimettono in movimento, vivono nella vastità di un’architettura eloquente. «Oh, vorrei tanto che tu ricordassi», altri versi, quelli di Jacques Prévert. E in un soffio di vento artificiale si ha la consapevolezza di essere entrati in un luogo della memoria“. Lo stesso soffio, che è anima mundi, accompagna il visitatore che accede all’ipogeo della chiesa. Qui si viene investiti da una musica lineare, un vento di suoni che nasce dai sotterranei e rende vigili le coscienze. Tutto è fragile, fugace, transitorio. Eppure le foglie tornano a nuova vita e la musica riempie gli spazi vuoti dell’architettura. Il suono diventa presenza.

You might also like

Economia

Curatori fallimentari. Un ruolo delicato e di responsabilità

(Maria Beatrice Crisci) – “L’obiettivo di questi seminari è quello di creare dei canali più rapidi tra i curatori fallimentari e la Procura, ma anche quello di dare il giusto

Primo piano

Prometeo. La Fondazione Mario Diana punta sui giovani. Venerdì c’è Preziosi

“Riconoscere all’istruzione una forza motrice capace di favorire lo sviluppo personale, economico e sociale”. Sin dalla sua istituzione, nel 2013, la Fondazione Mario Diana ha deciso di puntare gran parte del

Attualità

Le eccellenze campane incontrano gli studenti della Parthenope

(Magi Petrillo)     Il prodotto campano d’eccellenza sale in cattedra e le aziende campane incontrano gli studenti universitari. Questa l’iniziativa del Dipartimento di Studi Economici e Giuridici dell’Università degli Studi

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply