Nella Reggia come al Drive In, c’è Marco Casentini a Caserta

Nella Reggia come al Drive In, c’è Marco Casentini a Caserta

Maria Beatrice Crisci

marco casentini- “Quando il gallerista Nicola Pedana mi ha proposto di fare un intervento all’interno degli spazi della Reggia ho accettato molto volentieri, anche perché a me piacciono queste sfide. Abbiamo voluto fare un’installazione che dialogasse con gli spazi di questo palazzo. E penso che ci siamo riusciti”. Così ai microfoni di Ondawebtv l’artista Marco Casentini presentando la sua mostra Drive In che si inaugura sabato 13 gennaio alle ore 17. L’esposizione è a cura di Luca Palermo e si svolgerà nelle retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta.

Schermata 2018-01-12 alle 09.40.06La mostra rappresenta la tappa conclusiva di un percorso espositivo portato avanti dall’artista a partire dal 2017 e che ha coinvolto musei e istituzioni italiane ed estere: da agosto a ottobre la mostra è stata, infatti, ospitata dal Moah, il Museum of Art and History di Lancaster in California. Da novembre a dicembre è stata la Bocconi Art Gallery di Milano a farne da palcoscenico. La tappa casertana è realizzata in collaborazione con la Galleria Nicola Pedana Arte Contemporanea ed è supportata da Gobbetto – Special Resins, Polin e Sikkens. La mostra sarà visitabile tutti i giorni fino al 13 febbraio secondo gli orari di apertura e di chiusura della Reggia.

davIl curatore Luca Palermo scrive: «La ricerca di Marco Casentini affonda le sue radici in qualcosa di molto simile a quanto sostenuto da Piet Mondrian: semplificare le forme secondo l’ordine della geometria e dello spazio al fine di ricreare, con elementi minimi, quello stesso spazio nel quale viviamo e con il quale costantemente ci si confronta. Quella di Casentini è una vera e propria geometria dello spazio, dunque, nella quale le forme sono solo un punto di partenza, un pretesto necessario per l’esplorazione e la riproposizione di luoghi che, in qualche modo, sono diventati parti integranti del suo “viaggio” artistico». Palermo poi aggiunge: «Gli elementi che compongono le sue immagini, l’essenzialità, quasi minimalista, delle forme e del colore, dematerializzano lo spazio rappresentato introducendo lo spettatore in un non-luogo mentale emotivamente rilevante, la cui fisicità si lascia solo intuire. Quella di Marco Casentini è una pittura architettonicamente intesa, in grado, cioè, di trasmettere impressioni e suggestioni di un paesaggio urbano e naturale svincolato dalla sua immagine reale, ma che, in qualche modo, ad essa rimanda». E ancora: «Casentini reinventa, dunque, lo spazio attraverso piatte campiture che sembrano restituire una visione aerea della città; il suo lavoro sembra riecheggiare il Manifesto della Aeropittura futurista del 1929: “tutte le parti della città appaiono al pittore in volo schiacciate”. Non esiste un centro focale nel lavoro di Marco Casentini; l’occhio viaggia sulla superficie alla ricerca del “suo” centro focale; lo fa guidato da colori stesi non secondo un rigido e precostituito schema mentale, ma a partire dalle emozioni e dalle sensazioni che, di volta in volta, l’artista ha cercato di trasmettere».

You might also like

Cultura

Nostos. L’Odissea entra nella casa circondariale di Arienzo

Claudio Sacco – Si ispira al tema dell’Odissea il progetto “Nostos” messo in atto dall’Associazione Athena presso la Casa Circondariale di Arienzo. «Nell’opera omerica Nostos significa “ritorno a casa”, e

Cultura

“Il mio primo giorno”, a breve in libreria la storia di un padre

Maria Beatrice Crisci Save the date! Mercoledì 10 maggio sarà nelle librerie “Il mio primo giorno” di Giacobbe Scurto, un volume autobiografico, una delicata ed emozionante storia sulla genitorialità ed in

Spettacolo

Rassegna musicale al Cucùmber, protagonista è la voce

(Enzo Battarra) – Live music al Cucùmber. “In the voice” è il titolo della rassegna musicale che avrà inizio a partire da oggi 10 marzo nello storico locale casertano. La

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply