Nuove tecnologie e beni culturali. A Carditello un seminario

Nuove tecnologie e beni culturali. A Carditello un seminario

Claudio Sacco

- Un seminario formativo sulle nuove tecnologie al servizio dei beni culturali. L’iniziativa è stata organizzata dalla Fondazione Carditello assieme agli ordini professionali tecnici della provincia di Caserta e alla Topoprogram & Service. Ad aprire i lavori Rossella Bicco, presidente dell’ordine degli architetti casertani e, invero, anche presiedere della Fondazioncarditello nuove tecnologie 2e Carditello, che comprende i vari albi professionali della provincia. Gremita la sala conferenze del Real Sito di Carditello.

In platea anche il presidente dell’ordine degli ingegneri Massimo Vitelli per il quale “le nuove tecnologie rappresentano sicuramente il futuro e gli esempi sul loro utilizzo sono davvero infiniti. Tutto ciò porterà a risparmiare tempo e fatica anche sugli interventi di routine”. Tanti gli studenti dell’istituto per geometri di Teano, coinvolti nel progetto alternanza scuola-lavoro impegnati sulle nuove tecnologie per i rilievi sui siti archeologici. Nel corso del seminario si è parlato, tra l’altro, delle tecniche e soluzioni per il rilievo di fabbricati grazie alla fotogrammetria terrestre e le competenze per la scelta e l’impiego dei sistemi Sapr ovvero i droni. Il seminario è stato organizzato in collaborazione con la Topoprogram & Service.

You might also like

Primo piano

La porti un bacione a Firenze. Premiata Rosanna Marziale

Il sindaco Marino a Firenze con la chef Rosanna Marziale, premiata dall’Associazione dei Cuochi Fiorentini: “E’ una straordinaria ambasciatrice di Caserta nel mondo. E’ stato un grande piacere nonché un

Primo piano

Domenica al Museo. Reggia di Caserta, ingresso gratuito solo per appartamenti storici

In occasione dell’apertura gratuita dei musei, predisposta per la prima domenica del mese dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, l’ufficio comunicazione della Reggia di Caserta fa

Primo piano

AmaRè. La Reggia ha il suo amaro firmato Petrone

(Maria Beatrice Crisci) – AmaRè. Questo il nome dell’amaro della Reggia. “AmaRè inteso come amaro del re, ma anche come amare il territorio, amare la Campania e tanto altro”, spiega

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply