Quegli sfratti alla Reggia, quei locali che si liberano…

Quegli sfratti alla Reggia, quei locali che si liberano…

(Beatrice Crisci) – Ha fatto rumore sulla stampa l’inizio degli sfratti esecutivi per gli alloggiati alla Reggia. Certo una scena bruttissima quella delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco nel cortile vanvitelliano. Ma “dura lex, sed lex”.

D’altronde la magistratura è intervenuta sull’uso degli alloggi interni al complesso monumentale della Reggia occupati da dipendenti o loro familiari. La cattiva gestione del complesso vanvitelliano avrebbe arrecato un nocumento alle pubbliche finanze di circa un 1 milione e duecentomila euro.

OndaWebTv, che amerebbe trattare solo le notizie in positivo, ritorna su questo argomento di cronaca, così come aveva registrato l’inizio dell’iter giudiziario, solo perché gli sfratti alla Reggia colpiscono dei privati, ma in realtà aprono altre opportunità nell’utilizzo pubblico e museale dei locali.

Il passare sotto la lente di ingrandimento la situazione degli alloggi alla Reggia rappresenta un ulteriore contributo a mettere in essere tutte quelle azioni utili per un rilancio del monumento. Il riscatto di Vanvitelli, sotto la cura Felicori, è già iniziato, ma sicuramente ha bisogno del concorso di tutti per poter accrescersi sempre più. La Reggia è Caserta e Caserta è la Reggia. La città ha bisogno che il suo attrattore turistico e culturale funzioni sempre meglio per poter indurre ricchezza al territorio. E la Reggia ha bisogno di una città fatta di imprenditori che sappiano recepire le potenzialità di un indotto economico, di una città che sia governata bene, di una città viva e attrattiva anch’essa.

You might also like

Primo piano

La summer school entusiasma gli studenti

Conclusa con successo la Summer School CeSAF Maestri del lavoro 2016, organizzata in sinergia con i dipartimenti di Matematica e Fisica e quello di Scienze ambientali e del Farmaco della

Attualità

Caserta. Insegnanti di religione, c’è il mandato del vescovo

Claudio Sacco – Cerimonia molto attesa quella tenutasi nella cappella del Seminario vescovile a Caserta. E’ qui che il vescovo monsignor Giovanni D’Alise con una partecipata celebrazione eucaristica animata dalla

Attualità

Com’è smart questa città. Accordo tra Caserta e Terre Blu

(Maria Beatrice Crisci) – Approvato dalla giunta comunale di Caserta, su proposta del sindaco Carlo Marino, la schema di protocollo d’intesa con Terre Blu, associazione che opera da tempo sul

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply