Ravello, sul palco di Villa Rufolo l’Orchestra Giuseppe Verdi

Ravello, sul palco di Villa Rufolo l’Orchestra Giuseppe Verdi

Claudio Sacco

 – Al Ravello Festival sarà nuovamente pAnna Tifurotagonista l’Orchestra Filarmonica Salernitana “Giuseppe Verdi”.  L’Orchestra torna sul palco del Belvedere di Villa Rufolo stavolta sotto la direzione di Ryan McAdams (foto copertina), giovane bacchetta americana che lo scorso anno fece il suo debutto nella Città della Musica proprio nel concerto della notte di San Lorenzo.

Il decimo appuntamento sinfonico del cartellone della 67esima edizione del Ravello Festival di martedì 20 agosto (ore 19.30), sembra un crocevia di storie e di ritorni.

Anche per i due solisti, Anna Tifu e Alessandro Taverna, il concerto rappresenta un ritorno a Ravello, dopo qualche anno e con molta più esperienza alle spalle: una giovanissima Anna Tifu fu applauditissima protagonista del Concerto di Pasqua del 2012 all’Auditorium Oscar Niemeyer, mentre Alessandro Taverna fu straordinario interprete nel 2016 di alcune delle sonate per pianoforte di Beethoven. Il programma scelto per l’occasione, in ossequio al confronto tra sinfonismo europeo ed italiano, mette assieme Liszt e Chausson con Sgambati.

Les Préludes di Franz Liszt, che possono essere considerati come l’epitome del poema sinfonico, il cui tema, fu preso a posteriore come “programma” dalleMeditazioni poetiche di Alphonse de Lamartine. Il padre della “musica a programma” visse la maturità diviso fra tre città dove accoglieva allievi da tutto il mondo: Weimar, in cui dirigeva il Teatro Granducale, la natia Budapest e, soprattutto, Roma. Qui ebbe come allievo prediletto Giovanni Sgambati, figura eminente della vita musicale romana, fondatore di varie società cameristiche, del Liceo di Santa Cecilia, docente e pianista fra i propugnatori della rinascita strumentale nell’Italia dominata dal Melodramma. Il suo maestoso concerto per pianoforte, eseguito spesso dall’Autore (anche sotto la direzione di Toscanini) e da virtuosi della statura di Emil von Sauer e José Motta da Vianna, è un colossale dialogo fra un’orchestra sinfonica brahmsiana e un solista virtuoso lisztiano. Anche l’ispirazione iniziale del Poème di Ernest Chausson proviene da un fonte extra-musicale, la novella breve di Ivan Turgenev,Canto dell’amor trionfale. In seguito il concerto in un’unica campata scritto per l’amico e celebre violinista belga Eugene Ysaÿe, prese una forma “libera” che non contraddice mai “l’armoniosa proporzione”, secondo quanto scrisse Claude Debussy quattordici anni dopo la prematura morte del compositore più dotato della scuola franckista: “niente è più toccante della dolcezza sognante alla fine di questo Poema, dove la musica lascia da parte ogni descrizione, ogni aneddoto, e diventa il sentimento stesso che ispira l’emozione”.

You might also like

Primo piano

Carditello, notte da favola con gli artisti di strada Carabosse

Maria Beatrice Crisci  – Arriva al Real Sito di Carditello, in prima nazionale, la Compagnia di artisti di strada Carabosse. L’appuntamento è per il 21 e il 22 giugno alle ore

Primo piano

Ferragosto fantastico per gite e bagni a mare

(Redazione) – Manca pochissimo ormai alla festa più amata dell’estate: vediamo allora cosa succederà sotto il profilo meteo a Ferragosto 2016. Sarà una giornata perfetta! Lo dice a #ondawebtv il meterologo

Primo piano

Destinazione giardini, Trenitalia omaggia il Parco della Reggia

Claudio Sacco – Valorizzare il patrimonio botanico e naturalistico dell’Italia intera viaggiando su treni regionali. Nasce con questo obiettivo la partnership tra Grandi Giardini Italiani e Trenitalia. Così si potranno scoprire a

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply