Reggia, il giardino incantato di Marco Lodola e Giovanna Fra

Reggia, il giardino incantato di Marco Lodola e Giovanna Fra

Maria Beatrice Crisci

- Sarà presentata oggi alla stampa alle ore 18 con preview per i giornalisti la mostra «Tempus – Time» alla Reggia di Caserta. E’ questa una doppia personale degli artisti Marco Lodola e Giovanna Fra, da alcuni mesi marito e moglie. Il curatore è Luca Beatrice. L’apertura al pubblico sarà a partire da domani, il finissage è previsto per il 15 settembre. Organizzatori sono Mary Farina, anche ideatrice del progetto, e Augusto Ozzella, con la collaborazione della galleria Deodato Arte, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale, del Madre – Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee e di Confindustria Caserta.

Marco Lodola_Pegaso Viola_2018_persplex e led_cm 280x180x15 (1)Sottolinea Mauro Felicori, direttore della Reggia di Caserta: La mostra si inserisce nell’importante storia del rapporto della Reggia con l’arte contemporanea e con la variegata polifonia dei suoi linguaggi, un dialogo lungo e intenso che si è rinnovato costantemente nel corso degli anni nel confronto continuo e forte, sentito tra epoche e stili, che rende sempre attiva e feconda la vita di uno spazio museale così significativo”. 

Il percorso espositivo si compone di una selezione di opere dei due artisti, che dall’ingresso si snoda negli spazi interni, nel parco reale, fino ad arrivare agli appartamenti del piano nobile. L’immenso parco della sontuosa villa, nel raggio di un chilometro, è punteggiato da oltre venti monumentali sculture luminose di Marco Lodola che rappresentano alcuni dei suoi soggetti tipici, uomini e donne, ballerini, danzatrici, animali, figure reali e immaginarie, che metaforicamente partecipano a una festa di corte. Questi lavori, oltre al forte impatto creato grazie alla loro imponenza e alla vivacità dei colori, si caratterizzano per la loro peculiarità: l’emanare luce, che genera dinamismo, potenza, vitalità; qualità che non riguardano solamente le opere in sé, ma che vengono trasmesse anche all’ambiente circostante.

Lodola nel ParcoLe installazioni di Lodola appaiono in grande sintonia con le tele di Giovanna Fra che accolgono il visitatore negli appartamenti reali e, caratterizzate da un forte cromatismo, incarnano perfettamente quell’arte contemporanea in cui la contaminazione di tecniche e la sperimentazione sono elementi imprescindibili. L’artista si misura con lo spazio interno e l’architettura vanvitelliana, reinterpretando nelle sue opere i motivi decorativi settecenteschi, arazzi, carte da parati, arredi Barocchi e Neoclassici, attraverso il linguaggio segnico, costituito da tracce di colore dalle forme imprevedibili e uniche, da textures astratte che si intrecciano con le trame del supporto digitale.

La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Skira, con un vasto repertorio di immagini, il testo del curatore Luca Beatrice e numerosi interventi fra cui quelli di Renzo Arbore, Aldo Busi, Lorenzo “Jovanotti” Cherubini, Piero Chiambretti, Roberto D’Agostino, Salvatore Esposito, Ciro Ferrara, Antonio Stash Fiordispino, Enzo Iacchetti, Max Pezzali, Andrea Pezzi, Red Ronnie e di critici illustri quali Achille Bonito Oliva, Philippe Daverio, Gillo Dorfles, Martina Corgnati, Vittorio Sgarbi.

You might also like

Primo piano

Siamo alla frutta! Ma non è mica un male

(Redazione) – Dalle pesche ai meloni, passando per angurie, albicocche e ciliegie, l’estate è sicuramente la stagione in cui a tavola trionfano gusto e colore. La frutta senza dubbio permette di

Spettacolo

Un’Artestate da incorniciare. Un bilancio più che positivo

Cinquanta tra attori, musicisti, ballerini e artisti, 450 spettatori a serata, sette appuntamenti per un totale di circa 21 ore di spettacolo. Questi i numeri a consuntivo dell’Artestate di Casagiove,

Spettacolo

E’ qui la festa! A Caserta la stella cometa è il mito Patti Smith

Maria Beatrice Crisci – Partirà ufficialmente stamattina il programma degli eventi natalizi Happy Theatre del Comune di Caserta. La messa in scena è per le ore 11 nelle stanze del Belvedere a

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply