Rimini, Dolce & Salato va a fare scuola anche al Salone Sigep

Rimini, Dolce & Salato va a fare scuola anche al Salone Sigep

Claudio Sacco

- È ormai una tradizione. La scuola Dolce & Salato di Maddaloni sarà anche quest’anno presente alla 40esima edizione del Sigep, il Salone Internaziofoto Aggiornata Peppe Daddio (1)nale Gelateria, Pasticceria e Panificazione Artigianali, in programma alla Fiera di Rimini da domani sabato 19 a mercoledì 23 gennaio. Un importante appuntamento che vedrà coinvolti i docenti e i maestri “Delfini” dell’istituto di formazione con le loro storie ed un repertorio di ricette da esplorare. Insieme per condividere i valori della tradizione attraverso la conoscenza, con un ricco programma di dimostrazioni pratiche che illustreranno quanto viene fatto quotidianamente nelle aule-laboratorio della scuola campana che in venti anni ha formato tantissimi nomi noti della cucina e pasticceria italiana, offrendo così ai presenti l’opportunità di scoprire tutti i corsi formativi e di incontrare le figure professionali che ne fanno parte. Pillole e momenti educational, formativi e informativi di cultura gastronomica, guidati dai maestri Aniello di Caprio e Giuseppe Daddio, pasticciere e chef fondatori e soci della Scuola Dolce & Salato.

Il futuro che guarda alla trachiara marciani-aniello di capriodizione sarà il filo conduttore che accomunerà le diverse demo proposte, dove domani aprirà Aniello di Caprio con “la compagnia della biscotteria, cricche e crocche  manitoba e la sfogliatella dal cuore soffice”. Seguiranno: Mario Mandano “il ricordo suggestivo di un improvviso aperitivo”, Giuseppe Daddio “il gusto campano, proposte gastronomiche e farine tecniche, Michele Quinto con “le proposte del fornaio”, Antonino Maresca, “la finta timida ovvero della mela annurca” e terminerà Giorgio Zanatta con i “croissant con granite tropicali e sorbetto”.

Domenica 20 gennaio aprirà sempre Aniello di Caprio con il pandispagna, la pastiera napoletana e chiuderà con l’esercito degli sfogliati. Dopo di lui, Mario Mandaro e Roberto Onorati “l’aperitivo con emozione”, Vito Semeraro “la finestra sul mediterraneo” proposte gastronomiche con le farine a macinazione integrata, ancora, Michele Quinto  “i prodotti da forno”, Daniele Landolfi con “Pandiseta, la mozzarella di bufala Campana DOP e il gelato gastronomico”, Guido Sparaco con il  il “Ficus”, una creazione nata nel 2017 oggi divenuta il simbolo dolce di Castel Morrone, il piccolo centro della provincia di Caserta nota per la produzione spontanea del fico d’India.

Luigi Castaldo, “la mirabolante trasformazione del pane in gastronomia”, Giuseppe Mascolo con il suo panettone, Vito Semeraro “l’aperitivo in mezzo al pane, Alessandro Mango monoporzione in cerca d’autore, ancora di Caprio con Felix, il Panettone Campano”, Michele Zeolla con lo zucchero artistico e vedremo ancora una volta, Michele Quinto “dal Salento alle Alpi, grissini e taralli”. Tutto questo lunedì 21 gennaio.

Gli ultimi due giorni sarà la volta di: Francesco Favorito “il dolce o salato senza glutine”, “i cocktails” di Mario Mandaro e Marcello Del Vecchio, “mignon, troll ed elfi” di Mario Di Costanzo lo “zucchero artistico” con Alessandro Bertuzzi, “pastiera e babà” con Felice Pragliola e la “cucina d’autore” con Davide Posillipo. Si chiuderà mercoledì con “tutti a colazione” con Aniello di Caprio, il “senza glutine” ancora di Favorito, “l’aperitivo” di Mandaro e “non sparate su barista … sta cucinando” a cura di Daddio.

La scuola Dolce & Salato vi aspetta presso lo stand 030 padiglione B5 insieme al Molino Agugiaro&Figna per rendervi partecipi alle demo dei maestri.

You might also like

Primo piano

Chateaubriand, l’omaggio di Napoli a 250 anni dalla nascita

Antonella Guarino – Giovedì 3 e venerdì 4 maggio il simposio dedicato all’anniversario di nascita (1768-2018) dello scrittore, politico e diplomatico francese François-René de Chateaubriand. In occasione dei duecentocinquant’anni dalla nascita del

Attualità

Marino: “Da Caserta un modello per rilanciare l’agricoltura”

“Sono convinto che partendo proprio dalle città del sud Europa come Caserta possiamo costruire un modello virtuoso che crei le condizioni affinché l’Europa possa diventare davvero uno Stato unico nelle

Primo piano

Napoli, Fiera della Casa. Ogni famiglia insegue il proprio sogno da realizzare

(Enzo Battarra) – Fu inaugurata nel giugno del 1957 la prima Fiera della Casa, alla presenza del presidente della Repubblica Giovanni Gronchi. Da allora è entrata nel cuore dei napoletani

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply