Risate e colpi di scena. Il Canovaccio ritorna al Don Bosco

Risate e colpi di scena. Il Canovaccio ritorna al Don Bosco

Regina Della Torre

- “Arezzo 29 in tre minuti” è lo spettacolo che la compagnia teatrale “il Canovaccio” porta in scena sabato 12 maggio, alle ore 20,30, e domenica 13 maggio, alle 18, al Teatro Don Bosco di Caserta. La regia è di Massimo De Lucia e la direzione scenica di Enzo Cuomo. E’ questa una commedia che riscosse sin da subito grande successo, soprattutto con l’interpretazione 7degli indimenticabili Nino Taranto e Luisa Conte. Per celebrare i suoi ‘primi’ 43 anni di attività, il gruppo di attori casertani ha scelto, dunque, un’opera ricca di sorprese. Una commedia divertente e allo stesso tempo impegnata, che a momenti di grande ilarità alterna istanti carichi di emozioni e forti commozioni.

La compagnia fa sapere che “non mancheranno equivoci e colpi di scena quelli che si verificano se in un basso della Napoli anni ’80 si ritrovano un figlio illegittimo, un marito tassista, una moglie usuraia e salta fuori lo scandalo di una relazione extra coniugale”. Anche stavolta, senza alcun dubbio, a prevalere sarà la grande passione per il teatro che da oltre quattro decenni unisce l’ormai famosa compagnia di amici casertani, cresciuta in bravura ancor più che in numero. Il costo del biglietto è di 10 euro.

You might also like

Attualità

Reggia off limits a Capodanno, Caserta non risponde a Vienna

Claudio Sacco – Vienna chiama Caserta, ma Caserta non risponde. Non può. Il decreto Franceschini del 2016 sull’apertura dei musei e dei luoghi culturali statali non permette di aprire la

Primo piano

Caserta, il futuro dell’Ospedale nell’alta specializzazione

Claudio Sacco – Il nuovo direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Caserta “Sant’Anna e San Sebastiano” Mario Ferrante ha incontrato ieri i dipendenti e, prima ancora, le organizzazioni sindacali e le associazioni

Cultura

Nuova scoperta a Pompei, una tomba monumentale in marmo

Mario Caldara – Pompei è un pozzo delle antichità. Una volta calato il secchio fino al fondo, non si sa mai cosa possa venirne fuori. Le scoperte all’interno del sito

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply