Saligia, l’opera di Andrea Chisesi resta alla Reggia di Caserta

Saligia, l’opera di Andrea Chisesi resta alla Reggia di Caserta

Enzo Battarra

- Il dono è stato svSaligia_Quadro_300x200cm_fusione_2017elato. Andrea Chisesi ha concluso la sua personale alla Reggia di Caserta consegnando al direttore generale Tiziana Maffei l’opera monumentale «Saligia», un grande quadro per un grande monumento. È una summa pittorica, una sintesi di quanto l’artista ha esposto nelle Retrostanze del Settecento degli appartamenti storici del Palazzo vanvitelliano. Non a caso è il quadro che porta il titolo dell’intera mostra. Su una superficie di 3 metri per 2 sono dipinte in tecnica mista sette anime, quanti sono i vizi capitali. E sì, Saligia, come ricorda in catalogo la curatrice della mostra Marcella Damigella, è l’acronimo dei sette vizi capitali: superbia, accidia, lussuria, ira, gola, invidia, avarizia.

Con la sua fusione tra tecniche pittoriche e immagine fotografica, Andrea Chisesi, utilizzando proprio un suo scatto, dà vita alle debolezze umane. Sette personaggi interpretano i vizi capitali. E tutto ruota intorno alle figure incorse in un’assenza di controllo. Sette, numero magico per eccellenza. Sette le virtù, sette i vizi. E sette anche le opere di misericordia. E non è azzardato l’accostamento tra la Saligia di Chisesi e la celebre opera di Caravaggio. Data la vicinanza territoriale, è come se si fosse realizzato un filo diretto tra la Reggia di Caserta e il Pio Monte della Misericordia di Napoli. Sono due quadri che fanno sintesi, raccontano in un’unica immagine storie personali che si incrociano, momenti di vita anche contrapposti tra loro. Due narrazioni di un’umanità che nel bene o nel male si propone per quello che è, senza nascondimenti.chisesi- maffei

Prezioso dunque il quadro lasciato in dono alla Reggia di Caserta, con l’auspicio che possa al più presto entrare a far parte di una esposizione permanente nella sale vanvitelliane di tutto quanto si è acquisito in tema di contemporaneo nel corso dei decenni, per dare anche una continuità alla splendida collezione Terrae Motus.

La donazione dell’opera da parte dell’artista Andrea Chisesi è avvenuta nel corso di un incontro con la stampa. Il post sui social firmato dalla Reggia di Caserta: «Ne siamo onorati, si chiude nel migliore dei modi una bella mostra negli spazi degli Appartamenti storici». Oggi funziona così.

You might also like

Attualità

Turismo. Gli stranieri scelgono la Campania

(Luigi D’Ambra) – Due giorni intensi per la XXI edizione della BMT, la Borsa Mediterranea del Turismo, svoltasi questo ultimo week-end alla Mostra d’Oltremare di Napoli. Presente l’assessore regionale allo

Primo piano

Nasce l’archeologia informatica. Il fascino del gusto retrò

(Gabriele Basile*) – Con quanti tipi di software abbiamo a che fare nelle nostre vite? Per lavoro, studio o semplice svago ricorriamo quotidianamente a una notevole mole di programmi: se

Primo piano

Napoli, il cinema è fatto di Sogni, incubi, deliri. In Casa Morra

Mario Caldara – C’è il cinema fatto di perpetua azione e quello fatto di riflessione; c’è il cinema fatto di esplosioni e coreografie appariscenti e quello fatto di inquietudine. Alcuni

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply