Semi e germogli, il volume di Alessandro Tartaglione

Semi e germogli, il volume di Alessandro Tartaglione

Claudio Sacco

- E’ in programma per domani giovedì 27 dicembre alle 17,30 presso la Biblioteca Comunale “Gaetano Andrisani” di Marcianise la presentazione del libro “Semi e germogli. Nella Terra dei Fuochi” da Guida Editori. E’ questo l’ultimo componimento del poeta Alessandro Tartaglione.Schermata 2018-12-26 alle 16.00.02

L’evento, che si avvale del patrocinio dell’Amministrazione comunale di Marcianise, sarà introdotto da un momento musicale curato dal Maestro Luigi Bollito. Previsti poi gli interventi di Antonello Velardi, Sindaco di Marcianise, Elpidio Iorio, Assessore alla Cultura, Carmen Ventrone, Presidente della Commissione Consiliare Cultura. A moderare sarà Tiziana D’Errico, Dirigente scolastico. Il dibattito sarà inframezzato dalla declamazione di alcune poesie contenute nel libro.

L’autore evidenzia: “Ho scritto questo libro di poesia perché ho preso sul serio la vita e ciò che sta accadendo nella nostra terra. C’è uno svuotamento delle coscienze. Se quello che fai non rende la vita migliore ad altri, allora non stai facendo niente di buono. Con le parole, semi e germogli, anteposte a terra dei fuochi, inizio a dare il mio contributo”.

“Semi e Germogli” è una silloge poetica altamente sintomatica, decisamente impegnativa sul piano sostanziale, illuminando, ciascuna poesia, una dopo l’altra, le coscienze individuali e collettive su una realtà triste, su un vissuto emozionante, avvincente, quale quello che domina ancora nella Terra dei Fuochi. Ogni singola poesia è un pezzo di questo vissuto che soddisfa, sul piano nutritivo, l’anima ansiosa, delicatamente apprensiva. Nella silloge, dunque, si susseguono temi profondamente stimolanti, stillati dalla profondità dell’essere e dell’esistenza del poeta, profondamente avvertito del valore della famiglia, di cui degusta l’amore della moglie e dei figli, dell’amicizia, della realtà civile e culturale dell’ambiente di vita, della natura (flora e fauna) che lo circonda, dei guasti visibili e invisibili operati dall’umana ambizione, della sofferenza sociale e umana calata nella terra dei fuochi. La silloge, insomma, esprime la sensibilità dell’autore, il poeta Alessandro Tartaglione.

You might also like

Cultura

Wwf Caserta, al Pizzi di Capua nuova tappa dei volontari

Il Liceo “Pizzi” di Capua di cui è Dirigente scolastico Enrico Carafa ha ospitato la seconda tappa della maratona dei volontari del Wwf Caserta OA nelle scuole di ogni ordine e

Primo piano

I Forum di OndaWebTv. Art Bonus: occasione perduta?

Luca Palermo           Due anni fa il Decreto legge 83 del 2014 fu salutato come il sistema di norme che avrebbe dovuto dare nuovo impulso allo sviluppo

Cultura

Neapolis sotterranea, visite e musica

Mario Caldara – Napoli, specie durante il periodo estivo, è gremita di turisti. Orde di persone, sotto un sole cocente, popolano le vie di quella che è una delle capitali

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply