Solo per Caserta, la pizza di Casa Vitiello nel Salotto in Cucina

Solo per Caserta, la pizza di Casa Vitiello nel Salotto in Cucina

Maria Beatrice Crisci

ciccio vitiello- “Solo per Caserta”. È una promessa d’amore, un sentimento di vicinanza, di prossimità. Significa mettere insieme eccellenze del territorio e al tempo stesso dedicarle al luogo di origine. È un viaggio di andata e ritorno sulle strade locali del gusto. “Solo per Caserta” è una pizza, ma è soprattutto una storia, il racconto delle attività diversificate che Terra di Lavoro esprime. Ne è convinto il Salotto in Cucina che propone questa specialità come piatto del giorno. A firmare tale esempio di “genius loci” è Francesco Vitiello, per tutti Ciccio, maestro pizzaiolo di 24 anni, per tutti la migliore realtà giovanile italiana, quindi mondiale.

Ciccio ha base a Caserta, nella città della Reggia, in un antico borgo che è la frazione pedemontana di Tuoro. La sua Casa Vitiello è il superamento del concetto statico di pizzeria. Straordinaria è la sua capacità di coniugare la tradizione con la tecnologia, a partire dall’innovativo forno e dall’inappuntabile servizio in sala, fatto di umanità ma anche di auricolari sintonizzati.

Resta da scoprire cosa sia “Solo per Caserta”. Una pizza ovviamente. Salsiccia di nero casertano, funghi selvatici, ttraccetti di mozzarella di bufala, pecorino di Laticauda, olio evo e impasto alla canapa sono gli ingredienti. Ma la magia la mette tutta Ciccio Vitiello.

You might also like

Primo piano

Moni Ovadia, un cabaret yiddish con un gusto “asprinio”

(Maria Beatrice Crisci) – “Cabaret yiddish”: questo il titolo dello spettacolo che Moni Ovadia ha portato in scena al Teatro Comunale di Caserta lunedì sera. Autore, attore e regista impegnato

Primo piano

A teatro è tempo di fare salotto, ecco Tato Russo al Comunale

(Claudio Sacco) – Attore, con un’attitudine al palcoscenico straordinaria. Ma anche regista e scrittore di teatro. Tato Russo sa essere protagonista dentro e fuori la scena. Cosa racconterà mai a Maria

Primo piano

Una città da raccontare, la Caserta di Romano Piccolo

(Beatrice Crisci) – «Caserta è una città squadrata, come dico io, o, come dice mia nipote Ketty, che è architetto, a scacchiera, o per usare una terminologia più strettamente tecnica,