Start! Parte dall’Ospedale di Caserta la Granfondo Trapiantati

Start! Parte dall’Ospedale di Caserta la Granfondo Trapiantati

Claudio Sacco

- Daospedale- atriol grande atrio dell’Ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta partirà martedì 9 ottobre la quindicesima edizione della Granfondo Nazionale Trapiantati. Alle 10 in punto salteranno in sella in ventotto tra ciclisti, volontari e organizzatori. L’arrivo è previsto al Cardarelli di Napoli alle 16.30.

Sarà questa la prima tappa. Nei due giorni successivi la carovana partirà da Portici e da Positano, per poi concludersi a Salerno. La Granfondo Nazionale Trapianti è una manifestazione ciclistica organizzata dall’associazione Amici del Trapianto di Fegato di Bergamo e saranno gli stessi trapiantati, durante il percorso, a farsi testimoni diretti dell’importanza di donare gli organi dopo la morte.

L’iniziativa rientra in quell’opera di sempre più intensa e attiva collaborazione voluta dal direttore generale dell’Azienda ospedaliera casertana Mario Nicola Vittorio Ferrante con il mondo del volontariato, ma anche con le istituzioni civili, militari e religiose cittadine, ma anche provinciali e regionali, per promuovere l’offerta di salute e sensibilizzare la popolazione sui temi della prevenzione.

Domani alla cerimonia di partenza presso l’ospedale interverrà, oltre al manager Ferrante, il sindaco di Caserta Carlo Marino. Per la Questura sarà presente il delegato Pasquale Vitale, per l’Aitf provinciale il presidente Franco Martino e per l’Aido il vertice Gennaro Castaldi. Anche il Crt, il Centro Regionale Trapianti, ha assicurato una propria delegazione. Interverranno la Fanfara della Brigata Bersaglieri Garibaldi e una rappresentanza del 21esimo Reggimento Genio Guastatori, questo grazie alla collaborazione del Fanfara ed Emilio’s Team. L’evento è stato organizzato dalle dottoresse Anna Fabrizio e Vincenza Di Fuccia e dal dottore Salvatore Moretta.

Significativa anche la partecipazione delle scuole con l’Itis Buonarroti di Caserta, preside Vittoria De Lucia, l’Istituto Comprensivo di Marcianise, preside Pietro Bizzarro, e il liceo statale Don Gnocchi di Maddaloni, preside Annamaria Lettieri. Coinvolto anche il Polo didattico dell’Aorn Sant’Anna e San Sebastiano con il corso di laurea in Infermieristica dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli. Un ringraziamento in particolare va fatto alla Polizia Locale di Caserta per la collaborazione.

 

You might also like

Cultura

Carditello come fabbrica della conoscenza, prove di dialoghi

Claudio Sacco – È in programma per sabato 19 maggio a partire dalle ore 10 il secondo appuntamento dal titolo “i Dialoghi di Carditello”, ciclo di incontri sui temi della cultura, del

Cultura

Mansplaining: una nuova parola in cerca di traduzione

Marilicia Di Paolo Nelle riflessioni e negli studi di genere, c’è una parola che circola da una decina di anni, ma che in Italia non ha ancora una precisa traduzione

Primo piano

Alessandro Borghese, lo chef fa entrare lo speck nella Reggia

Enzo Battarra Una lunga tavolata con 160 posti accolta in un gazebo trasparente. Ma soprattutto ospitata in uno dei quattro cortili della Reggia di Caserta. Un luogo straordinario. E per

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply