Terra Bruciata, al Duel per la Festa della Liberazione

Terra Bruciata, al Duel per la Festa della Liberazione

Claudio Sacco

- “Terra Bruciata – Il laboratorio italiano della ferocia nazista”, il docufilm del regista casertano Luca Gianfrancesco  verrà prolocandina Terra Bruciataiettato al pubblico e alle autorità nella sala di via Borsellino mercoledì 25 aprile alle ore 20 in occasione della Festa di Liberazione. Terra Bruciata è una storia inedita, un piccolo gioiellino cinematografico, una testimonianza necessaria.

Nell’occasione, mercoledì, saranno presenti, tra gli altri, gli attori Lucianna De Falco (‘Ammore e Malavita’, ‘La finestra di fronte’, ‘La Parrucchiera’ ), Arturo Sepe(‘Gomorra – La serie’, ‘Squadra antimafia’, ‘Distretto di Polizia’), Paola Lavini (‘Anime nere’, ‘Una donna per la vita’, ‘Il figlio più piccolo’, ‘Il regista di matrimoni’) e Mino Sferra (‘La Piovra 7′, ‘Il Barbiere di Rio’, ‘Il Giudice istruttore’). In sala anche alcuni degli storici che hanno collaborato alla realizzazione dell’opera: Giuseppe Angelone, Gianni Cerchia, Felicio Corvese e soprattutto una delle testimoni ancora viventi degli episodi raccontati nel film, Graziella Di Gasparro, oggi 84enne, figlia di una delle vittime della strage di Conca della Campania. ‘Terra Bruciata – spiega il regista – nasce dall’esigenza di raccontare una storia vera sfuggita ai radar della Grande Storia e per troppo tempo rimossa dalla memoria collettiva del Paese e al contempo per rendere giustizia agli ultimi superstiti di una vicenda di oltre 70 anni fa che testimonia la genesi della Resistenza in Campania’. Il film, una produzione indipendente e low budget, sarà presente in 30 sale in tutta Italia.  Mercoledì 25 aprile, subito dopo la proiezione, regista e cast terranno un dibattito in sala per approfondire e raccontare la resistenza dei casertani alle stragi nazifasciste. Alla conferenza stampa di ieri mattina presenti anche il sindaco di San Pietro Infine, Mariano Fuoco, l’ex sindaco Giuseppe Vecchiarino, rappresentanti dell’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia), dell’Unpli (Unione delle pro loco), della Reggia vanvitelliana e dell’Archivio di Stato.

Un documento unico nel suo genere e ricco di testimonianze storiche che porta, per la prima volta, sul grande schermo una verità a lungo ignorata – persino dai libri di testo – su alcuni episodi di inaudita violenza perpetrata in Terra di Lavoro dai soldati del Terzo Reich e che al contempo fa emergere il coraggio, il senso civico e la presa di coscienza di una comunità, quella della provincia di Caserta, che seppe in numerose occasioni tenere testa alle truppe nemiche e ribellarsi alla violenza. Una memoria avvincente e commossa che apre una nuova pagina del racconto della Resistenza e della ferocia nazista in Italia.

You might also like

Attualità

Marcianise, nella scuola la rivoluzione chiamata social media

Maria Beatrice Crisci “Informare ai tempi dei social media”: questo il tema di estrema attualità scelto dall’Isis Ferraris-Buccini di Marcianise. in collaborazione con il giornale on line Caffè Procope e l’associazione

Cultura

Fondi europei. Open Data Day al liceo Fermi di Aversa

Antonella Guarino – Al Liceo Fermi di Aversa, di cui è Dirigente scolastico Adriana Mincione, si è tenuto, presso l’Aula Magna dell’Istituto, l’Open Data Day in cui gli studenti coinvolti

Primo piano

Sant’Alfonso, il vescovo campano che fu compositore

(Enzo Battarra) – Lui è universalmente noto per aver scritto la composizione natalizia “Quanno nascette Ninno”, da cui deriva “Tu scendi dalle stelle”. In realtà, Sant’Alfonso Alfonso Maria de’ Liguori, nato a Marianella, in

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply