Una parola al mese / La sorpresa è che trap deriva da trapear

Una parola al mese / La sorpresa è che trap deriva da trapear

María Lucía Carrillo Expósito

università lungo

- Il verbo trapear (tra-pe-ar), in lingua spagnola, è ampiamente riportato da tempo nei dizionari normativi spagnoli e il suo significato risponde all’azione di lavare i pavimenti con uno straccio o con una paglietta, come nella sua prima accezione riportata nel Diccionario Español de la Lengua online: “Trapear: Fregar el suelo con trapo o estropajo” (http://dle.rae.es/srv/search?m=30&w=trapear). Prende, pertanto, l’etimologia di trapo, ossia, “straccio”.

D’altro canto, oggi questo termine nelle strade di qualsiasi città ispanoamericana o della penisola iberica, non ha nessuna relazione con l’etimologia descritta. Se non siamo più adolescenti, se non viviamo quotidianamente con loro o non seguiamo le novità discografiche, è difficile immaginare che il suo uso non corrisponda al significato descritto nei dizionari. Per le nuove generazioni di lingua spagnola, trapear viene da fare Trap, uno stile musicale che dal 2015 diventa forte a livello mondiale nel mercato commerciale della musica. Si tratta di un sub-genere musicale che ha origine nella decade degli anni 90 nel sud degli Stati Uniti, concretamente ad Atlanta, Geogia dove i rapers e gruppi di rap come Three 6 Mafia, Ghetto Mafia, UGK, Outkast e Goodie Mob furono i primi ad usare questo stile, diventando i padri del Trap.

Il genere musicale Trap si alimenta del Rap e dall’Hip-Hop dal quale prende anche la tecnica e l’estetica ed è molto comune confonderli. Il Trap è una musica elettronica, molto sintetizzata che usa in maniera abbondante e quasi eccesiva l’auto-tune e i modi armonici minori per dotarlo di una estetica oscura e triste. Un altro aspetto che lo distingue dal Rap tradizionale e la sua metrica più semplice che in alcune occasioni può ignorare completamente la misura dei versi o della rima. In questo sub-genere musicale prevalgono gli effetti sonori sulle note musicali.

Tornando alla parola Trap, questa proviene dell’argot statunitense dei bassi sobborghi per denominare il luogo dove si traffica con sostanze stupefacenti in maniera illegale. Viene correlato con i trap-house o appartamenti abbandonati e trapping (https://www.urbandictionary.com/define.php?term=trapping) nel gergo significa “trafficare”, “contrabbandare”, in definitiva, “spacciare”. Ma se nella lingua di Alighieri la similitudine tra trapping e la sua traduzione non si avvicina nella forma, non succede così nella lingua spagnola dove esiste la parola trapichear (http://dle.rae.es/?id=aOMHKaY) che coincide effettivamente in pieno al suo valore semantico.

*Dottorato in Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche – Università degli Studi di Napoli “Parthenope”




You might also like

Food

Sementia. Slow Food Campania punta sull’innovazione

Luigi D’Ambra – Ritorna da venerdì 6 a domenica 8 ottobre prossimi Sementia, l’evento ideato dalle cinque Condotte Slow Food della provincia di Benevento e realizzato da Slow Food Campania con il contributo dell’Assessorato all’Agricoltura

Primo piano

Juvecaserta Academy. Al via il torneo per i ragazzi del 2004/5

Si svolgerà sui playground del Liceo Giannone di Caserta e su quello di via Grassi nella frazione Briano, ma anche sui campi all’aperto di Casagiove e San Marco Evangelista la

Primo piano

Al Madre Isabella Ferrari e Leo Gullotta per il Napoli Teatro Festival Italia

Al museo Madre di Napoli, dal 6 al 15 luglio 2016, ospiterà alcuni appuntamenti del ciclo di letture Una favola di Campania. Fiabe, miti, leggende e cronache della Campania,  organizzato nell’ambito dell’edizione

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply