Urban Nature Caserta, con il Wwf ecco la natura in città

Urban Nature Caserta, con il Wwf ecco la natura in città

Maria Beatrice Crisci

- «Percorrendo le strade di Caserta, in particolare quello che viene denominato “centro storico”, assistiamo ad uno spettacolo indecoroso: le fioriere, di varia forma e materiale, ospitano sterpi rinsecchiti, erbe selvatiche e, quasi sempre, cicche di sigarette in quantità industriale. Spesso le fioriere vengono danneggiate dalle auto in ostinato tentativo di parcheggio in divieto di sosta». Così Raffaele Lauria responsabile del Wwf Caserta nel presentare l’evento Urban Nature che a Caserta si svolgerà nel suo “cuore verde” il Parco della Reggia Vanvitelliana. «Nelle strade principali – continua Lauria – notiamo fioriere annesse alle pedane di recente realizzazione (già danneggiate sempre dalle auto e riparate innumerevoli volte) che sono lasciate nell’incuria più totale, senza innaffiature ne ricambi di piante morte, spesso usate come cestini per la spazzatura. Se ci spostiamo nei parchi gioco, i bambini che usufruiscono dei giochi fissi sollevano nuvole di terriccio, laddove dovrebbe esserci un prato innaffiato e tosato con regolarità.La cura del verde cittadino, requisito minimo di vivibilità anche nei comuni più piccoli, a Caserta viene considerata sovrastruttura e/o un capitolo di spesa da appaltare con interventi radicali sulle piante in tempi e modi assolutamente inaccettabili. Urban Nature è l’occasione per ricominciare un percorso di sensibilizzazione di vivibilità in città, attualmente perso tra nuvole di smog e tra le lamiere delle auto che in maniera sempre più caotica si impossessano di tutti gli spazi … carreggiate, marciapiedi, piste ciclabili e spazi verdi».

locandina - 5 ottobre - light

Nella nota stampa si legge: “Generare un modo di pensare gli spazi urbani dando più valore alla natura. Promuovere azioni virtuose da parte di comunità, cittadini, imprese, università, scuole e  amministratori, per proteggere e incrementare la biodiversità. Sono questi alcuni degli obiettivi di Urban Nature, l’iniziativa su tutto il territorio nazionale dedicata, dal WWF Italia, alla natura urbana, in collaborazione con l’Associazione Nazionale Musei Scientifici (ANMS) e con CSMON-LIFE e che invita i cittadini a esplorare, conoscere e ‘ri-costruire’ (laddove sia assente o poco curata) la biodiversità delle città.

A Caserta, l’invito è rivolto a famiglie, bambini, giovani, studenti universitari, appassionati di natura e turisti che frequentano il parco della Reggia.  Il contatto con il verde urbano è, infatti, spesso l’unica occasione per vivere la natura nel quotidiano, per conoscere la biodiversità e per comprendere gli aspetti peculiari dei servizi della natura che rendono sostenibili i nostri spazi urbani.   Grazie alla sensibilità e alla disponibilità del Direttore della Reggia, Mauro Felicori  e dei Responsabili del Parco e del Giardino Inglese, i volontari del Wwf Caserta OA, con il contributo dei volontari delle associazioniItalia Nostra Presidente Giancarlo Pignataro e Lipu Presidente dott. Matteo Palmisani, hanno organizzato un programma molto ricco: alle ore 10:00, 11:00 e 12:00 ci saranno visite guidate e passeggiate con gli esperti alla scoperta delle specie nascoste, in luoghi ricchi di biodiversità. L’iniziativa è riservata ai visitatori in possesso del biglietto e/o abbonamento al parco della Reggia.   La divulgazione di Urban Nature sarà curata del gruppo Panda YOUng del Wwf Caserta al quale,per l’occasione,  si unirà una delegazione di studenti del Liceo Manzoni di Caserta – Dirigente dott.ssa Adele Vairo – che hanno partecipato al Progetto Alternanza Scuola-Lavoro e Scuola Viva.  Il WWF con l’ANMS e CSMON-LIFE ha anche previsto una Caccia al tesoro ‘fotografica’ – un evento di Citizen Science – di specie rare : animali e/o piante che fanno emergere quanto sia profondo, ancestrale e culturale il nostro rapporto con la natura.  Contemporaneamente, nella Riserva Naturale di Castel Volturno, presso la Caserma dei Carabinieri Forestale di Ischitella, si effettueranno delle escursioni per “interpretare la natura” con il supporto di un Carabiniere Forestale esperto e si potrà visitare il CRASE (Centro Recupero di Animali Selvatici Esotici).  Le Guardie Ambientali WWF effettueranno alcune simulazioni di vigilanza ambientale.
La natura negli spazi cittadini si nasconde ovunque, non solo nei parchi urbani, ma anche nelle piazze, nei giardini di scuola, sui ruderi o sui tetti delle stazioni, nei giardini condivisi fino al balcone di casa. La fauna degli spazi urbani è ricchissima: dai rondoni, grandi mangiatori di insetti ai falchi come il gheppio o il falco pellegrino, e poi volpi, scoiattoli, ricci, pipistrelli, farfalle e coccinelle. Un vero e proprio caleidoscopio di animali cittadini che beneficiano di spazi verdi o di piccoli anfratti nascosti. Ma la biodiversità delle città è soprattutto legata alla vegetazione presente, alberi e arbusti, persino alberi monumentali, che rigenerano ogni giorno l’aria che respiriamo.
Caserta, 10 ottobre 2017
Il Panda Team del Wwf Caserta OA

Per maggiori informazioni sull’evento e sulle iscrizioni: www.wwfcaserta.org – FB: WWF Caserta News e WWF Caserta OA –  www.wwf.it  – Recapiti cell: 3473308585 – 3351328586 – 3334036358

You might also like

Cultura

Sessa Aurunca. Raduno di auto d’epoca con visita alla città

Luigi D’Ambra – Un raduno auto d’epoca a Sessa Aurunca. L’iniziativa è dell’Associazione Turistica “Pro Loco” Sessa Aurunca, l’Azienda Agricola “Volpara” di Tuoro di Sessa Aurunca e il Circolo Latina

Primo piano

Legambiente. Nella Terra Felix il “gusto” del volontariato

Oltre duecento volontari, provenienti da tutt’Italia e dall’Europa, impegnati da fine giugno a settembre per un’esperienza d’impegno sociale e civile a favore dell’ambiente e per dedicare una parte delle proprie

Primo piano

Sara Lubrano, un talento femminile nel Tesoro di San Gennaro

(Claudio Sacco) – L’associazione EnterprisinGirls presenta Sara Lubrano, la prima donna artista-artigiana vivente la cui opera-gioiello viene ritenuta degna, dalla Eccellentissima Deputazione della Cappella del Tesoro di San Gennaro, di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply