26 luglio, Sant’Anna. Nell’anno del covid una festa silenziosa

26 luglio, Sant’Anna. Nell’anno del covid una festa silenziosa

Maria Beatrice Crisci, foto di Bruno Cristillo

-Oggi 26 luglio, festa di Sant’Anna. Ma non sarà una ricorrenza come gli altri anni. L’emergenza Covid 19 ha condizionato anche questi festeggiamenti. La giornata dedicata alla Santa Patrona di Caserta si limiterà alle sole funzioni religiose nel tempio a lei dedicato. Non accadeva dal 1920, anno della pandemia di spagnola che i festeggiamenti non coincidessero con la ricorrenza della Santa.

foto Carlo Riccio

Nella cultura popolare, nella fede più viscerale della città di Caserta, è Sant’Anna la protagonista, la taumaturgica. La passione nasce nell’antico quartiere della Santella, in quello che un tempo era il Villaggio Torre, il primo segmento della Caserta nel piano. In realtà Santella è la deformazione di “Sant’Elena”, dal nome della chiesa e della strada, oggi via Ferrante, che vi conduceva. Ma proprio in via Ferrante c’è una corta traversa, viella Salomone, che è l’epicentro del culto della santa “vecchiarella”, Sant’Anna appunto. Lì c’è un’edicola che viene apparata a festa in occasione della ricorrenza.

L’antropologo culturale Augusto Ferraiuolo sulle pagine di ondawebtv: ha ricordato «Scrivere sulla festa di Sant’Anna è per me lavorare su un doppio registro: in primo luogo, quello del casertano che fin da bambino andava per bancarelle (un po’ meno per chiesa) e, in secondo luogo, quello dell’antropologo che si occupa di cose folkloriche, quindi anche di riti religiosi». https://www.ondawebtv.it/26-luglio-santanna-a-caserta-la-religione-si-mette-in-strada/

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7131 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Dall’Arena allo schermo: si alza il sipario all’Anfiteatro

Claudio Sacco – L’Anfiteatro Campano ritorna ad essere un testimone muto della sua storia. Parte, infatti, la seconda edizione della fortunata rassegna “Dall’arena allo schermo” in programma dal 28 giugno

Cultura

Giardino Inglese, alla Canonica la conoscenza fenomenologica

Maria Beatrice Crisci – Nel giorno della Festa della donna Addolorata Ines Peduto terrà una conversazione ed esperienza sensoriale sul tema “Il Giardino Inglese della Reggia di Caserta raccontato con il

Cultura

Le madri di Capua, il culto per la donna nella Campania Felix

Luigi Fusco –Iovia Damusa, Damia o Bona Dea, protettrice delle partorienti; erano queste le divinità che venivano affiancate alla Mater, il cui titolo era Matuta, cioè dea del mattino o

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply