A 61 anni mamma. Non è mai troppo tardi!

A 61 anni mamma. Non è mai troppo tardi!

Madre a 61 anni, dopo quattro gravidanze interrotte, e dopo una cura ormonale: una donna originaria di Napoli, residente a Castel Volturno (Caserta), ha dato alla luce ieri un bimbo dopo quasi nove mesi di gravidanza, nella clinica “Pineta Grande” di Castel Volturno. Il piccolo si chiama Elias, pesa tre chilogrammi e mezzo, ed è lungo cinquanta centimetri. Ad occuparsi della gravidanza e del parto è stata l’equipe del dottore Stefano Palmieri. “É stata una gravidanza tranquilla – fanno sapere fonti della clinica – tanto che fino al settimo mese la signora ha svolto regolarmente attività fisica”. La signora, “felicissima e in ottima salute”, si chiama Maria ed è sposata con Vincenzo, suo coetaneo.

Non nasconde la sua soddisfazione il dottore Stefano Palmieri, che dirige il reparto di ginecologia e ostetricia della clinica Pineta Grande di Castel Volturno dove la donna ha partorito. Il tutto senza ricorrere alla fecondazione assistita ma semplicemente, viene riferito, grazie a una semplice cura ormonale.

Taglio cesareo, senza alcuna complicanza malgrado un rischio emorragia (e alcune patologie tipiche dell’età) e il bambino ha visto la luce. Poi subito in terapia intensiva, dove la mamma, è andata a coccolarlo. L’equipe di Palmieri ha preso in cura Maria circa una decina di giorni fa, dopo qualche difficoltà di gestazione che si è presentata alla 34esima settimana. “Abbiamo fatto in modo di arrivare all’inizio del nono mese – spiega Palmieri – e poi si è deciso di procedere con il cesareo”. “Non so se la madre riuscirà ad allattare il piccolo – dice ancora Palmieri rispondendo a una domanda – qualora ce ne fossero le condizioni certamente si. Comunque ne discuteremo con il neonatologo”. Poi, dal dottore Palmieri, un monito: “Con l’equipe che dirigo ci teniamo a sottolineare che questi sono casi rari, che comportano enormi rischi. Tutto è andato bene – continua – ma non è detto che gravidanze analoghe possano avere lo stesso esito”. Ciononostante, l’anno scorso, nella clinica Pineta Grande di Castel Volturno, hanno partorito, con successo, una donna di 54 anni e una di 57 anni. “Sono casi limite – ribadisce il ginecologo – che contemplano enormi rischi sia per la mamma che per il figlio”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7171 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Salute

L’USAcli scegli Sant’Arpino per la sua Giornata Nazionale

Claudio Sacco – Sarà il Palazzo Ducale di Sant’Arpino ad ospitare sabato 15 settembre la Prima Giornata nazionale dell’Unione Sportiva Acli: “Lo Sport che vogliamo” – Risorsa per le Comunità”. E’

Attualità

“PreVenENDO”, tappa a Caserta nel Foyer del Teatro Comunale

Magi Petrillo – Fa tappa a Caserta, nel Foyer del Teatro Comunale “Costantino Parravano”, mercoledì 12 febbraio alle ore 18 “PreVenENDO”. È questa un’iniziativa di natura educativa e culturale ideata

Primo piano

Malati immaginari, è nel cervello la causa dell’ipocondria

Il cervello dei malati immaginari non funziona come gli altri cervelli. Paradossalmente, gli ipocondriaci, o meglio il cervello degli ipocondriaci, non ha una corretta percezione del suo corpo, né una

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply