A Carinaro l’ultima tappa della Festa della Tammorra

A Carinaro l’ultima tappa della Festa della Tammorra

Due serate all’insegna della più autentica tradizione musicale popolare e almeno quindici gruppi che saliranno sul palco dell’undicesima Festa della Tammorra. E’ l’ultima tappa di un tour cominciato a Parete il 31 marzo e che si concluderà a Carinaro, il 18 e 19 giugno. Una manifestazione che vedrà, come ogni anno, alcune migliaia di persone riversarsi in piazza Trieste, per ballare, cantare e suonare la Tammorra, all’insegna della tradizione più autentica. La “Festa della Tammorra” che da alcuni anni è diventata itinerante, viene svolta in rapporto con antiche feste tradizionali: quella della Madonna di Costantinopoli, la Madonna dell’Arco, la Madonna di Briano, la Madonna della Rotonda, la festa di San Michele. Una ventina i gruppi che hanno partecipato nell’intera manifestazione. Più di quindicimila le persone coinvolte, in massima parte giovani, migliaia i ballatori.

“La Festa della Tammorra di Carinaro – spiega il presidente di ‘Carinaro Attiva’, Bruno Lamberti, l’associazione che promuove l’evento – è un po’ il punto terminale volto a riscoprire la tradizione popolare di questo itinerario. Il nostro impegno è anche quello di promuovere una vera e propria industria culturale legata alle tradizioni popolari. Attraverso di essa si può mettere in moto il rilancio economico della nostra zona. Questo già è avvenuto altrove con grandi ritorni economici. Strano a dirsi, ma è proprio la cultura, la musica e la riscoperta delle tradizione che contribuisce a far uscire dalla crisi economica”.

Si comincia alle ore 21, in piazza Trieste a Carinaro. A esibirsi nelle due serate di sabato 18 e domenica 19 giugno, tra gli altri, la “Scuola di Tarantella di Montemarano”, i “Via del Popolo”, i “Terra di suoni,” “Germogli folk Band”, la “paranza D’Alterio”, “I Vico,” “Rarecanova” “I ViaNova”, “AriaSud”, la “paranza di Peppe ‘o Mericano”, i “Damadakà”, “i figli di Cibele”.

Alla festa parteciperà anche Marcello Colasurdo, la voce della tradizione popolare che, sebbene convalescente, non ha voluto rinunciare al suo ruolo di direttore artistico dell’intera manifestazione.

Fonte: Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8916 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Gusto italiano, tra show cooking e laboratori vince la qualità

Maria Beatrice Crisci – «La promozione e la valorizzazione dei prodotti tipici locali è tra gli obiettivi primari dell’assessorato da me guidato, nella convinzione che iniziative come quella di Gusto

Primo piano

Imola, si presenterà il premio letterario made in Casalnuovo

Claudio Sacco – Ci sarà anche un pezzo di Campania letteraria quest’anno alla Festa de L’Unità Nazionale 2017 in programma a Imola dal 9 al 24 settembre. Infatti, la manifestazione

Attualità

Rintocchi di campane per ricordare le bombe su Caserta

(Redazione) – Dieci rintocchi a martello delle campane della Cattedrale e del Santuario di Sant’Anna, nonché delle altre parrocchie casertane, sabato 27 agosto a mezzogiorno. La proposta è della Società di Storia Patria nella