A Santo Stefano tutto fa brodo, il ricordo dei presepi viventi

A Santo Stefano tutto fa brodo, il ricordo dei presepi viventi

Luigi Fusco

– Il 26 dicembre, per quanto giorno di festa, è stato sempre considerato un po’ catartico: sia nelle sue forme celebrative che nelle pratiche rituali. Dopo le pantagrueliche mangiate della vigilia e del giorno di Natale, a Santo Stefano si pranza con il brodo, seppur di sostanza, accompagnato comunque da ricchi contorni. Nella medesima giornata si è soliti andare in giro a visitare presepi. Purtroppo, considerate le recenti misure anti-covid, per quest’anno non sarà possibile assistere a presepi viventi, molto diffusi in vari centri del Casertano.

La consuetudine è andare a vedere il Presepe della Reggia di Caserta. Migliaia di visitatori giungono al palazzo vanvitelliano per ammirare la copiosa collezione di pastori appartenuta ai Borbone. Un’occasione, questa, che dà l’opportunità di vedere anche gli appartamenti storici e le opere d’arte esposte.

Mancheranno i presepi viventi, veri e propri tableaux vivants, che venivano approntati alla Vaccheria, a Cuccagna di Casagiove, a Sant’Angelo in Formis e a Camigliano. Soprattutto in quest’ultima località, nel giorno di Santo Stefano, prendeva vita il presepe all’interno della Grotta di San Michele, sito di sorprendente bellezza naturalistica e di grande interesse storico-artistico. Si tratta di una sorta di caverna disposta alle pendici del monte che sovrasta Camigliano, al cui interno, oltre alle numerose stalattiti, è presente un affresco di San Michele Arcangelo, datato al Trecento; ed è proprio dentro questa grotta, dalla dimensione infera, che arrivava la luce attraverso la messa in scena della magica nascita del Gesù Bambino.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 510 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano 0 Comments

I clown di #SonoSalvo alla Versiliana, l’outfit di Assia Fiorillo

Una canzone, un palco e un messaggio. La canzone è “Qualcosa è andato storto”, il palco è quello del premio Lunezia, il messaggio è che ci sono punti deboli che possono diventare armi preziose. Assia Fiorillo è tra i

Editoriale 0 Comments

L’albicocca: dal Vesuvio a Caserta la bellezza dell’arancione

Marcellino Monda – Il suo bellissimo colore è dato dalla presenza di una significativa quantità di carotenoidi, ai quali va ascritto il salutare effetto antiossidante ed “antinvecchiamento”. L’albicocca è ricca

Primo piano 0 Comments

Acli Caserta, sportello online per sostegno didattico a famiglie e studenti

-Le Acli di Caserta hanno sempre perseguito il proposito di connettere generazioni diverse, per valorizzare un rapporto prezioso, quello tra persone più adulte e più giovani, che è una ricchezza

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply