Al Teatro Civico 14 di Caserta, Musella e Taiuti in Play Duett

Al Teatro Civico 14 di Caserta, Musella e Taiuti in Play Duett

(Luigi D’Ambra) – Il Teatro Civico 14 di Caserta si appresta ad accogliere il prossimo fine settimana una jazz session con due attori d’eccezione. Lino Musella, attore di cinema e teatro, volto noto al pubblico grazie alla serie televisiva Gomorra e Tonino Taiuti, un pezzo di storia del teatro napoletano, calcheranno insieme il palco del Teatro Civico 14 di Caserta con lo spettacolo Play Duett, da venerdì 17 a sabato 18 febbraio (ore 21). Due attori chiamati ad un confronto, non solo generazionale, ad uno scambio di energie e intelligenza teatrali, attraverso i testi di tradizione e contemporanei, in una vera e propria prova d’attore al ritmo di una jazz-session con le musiche dal vivo di Marco Vidino.

Lo spettacolo é un gioco senza struttura, di natura musicale. Due volti, due voci, due figure diversamente coetanee si cercano tra le macerie dove si mescolano vecchio e nuovo. Si parlano attraverso un concerto improvvisato non di note ma di lingue dove i frammenti di classici si trovano in faccia ai contemporanei, senza tempo. I personaggi emergono dalla memoria e tra i resti si guardano, in un gioco pazzo e vero. Play Duett intreccia frammenti dall’opera di Enzo Moscato e da quella di Raffaele Viviani, da Beckett a T. S. Eliot, da testi di Basile riadattato dal poeta Ferdinando Russo, alle opere di Achille Campanile, per finire con i versi liberi su Napoli e i sonetti di Shakespeare tradotti in napoletano da Dario Jacobelli.

Trent’anni separano Tonino Taiuti e Lino Musella. Da un lato, Tonino Taiuti con il peso della tradizione e i primi passi sulle scene con il “Teatro dei Mutamenti” fondato da Renato Carpentieri e AntoinioNeiwiller, per poi lavorare con registi come Moscato, Martone, Salvatores, Servillo e Barberio Corsetti. Dall’altro, Lino Musella e la sua totale immersione nel teatro studiando recitazione con Guglielmo Guidi a Napoli per poi iscriversi al corso di regia teatrale alla Paolo Grassi di Milano. Lavorando e formandosi con Marcello Cotugno, Paolo Zuccari e Michela Lucenti/Balletto Civile, per poi passare ai più recenti lavori con Antonio Latella e la fruttuosa collaborazione con Paolo Mazzarelli. Trent’anni di vita a confronto per un unico e imperdibile omaggio al teatro.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Alla Reggia inaugurata la personale di Josè Molina

Maria Beatrice Crisci Sono le retrostanze settecentesche della Reggia di Caserta ad ospitare da ieri la mostra di Josè Molina dal titolo «Paesaggio dopo la battaglia». La Reggia di Caserta

Comunicati 0 Comments

E’ settembre. Casertavecchia si trasforma in un borgo di libri

-Al via venerdì 3 settembre a Casertavecchia – dopo il successo dell’anteprima il 28 agosto, con la mostra dibattito di Patrizia Posillipo – «Un Borgo di Libri», ideato da Luigi

Primo piano 0 Comments

Primo marzo 1773, moriva l’archistar di corte Luigi Vanvitelli

Luigi Fusco – Il primo marzo del 1773 passava a miglior vita Luigi Vanvitelli, l’architetto della Reggia che attraverso le sue idee di grandezza, coadiuvate dai suggerimenti e dalle desiderate

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply